Pubblicità

La vendetta non paga

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 460 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Essere vendicativi non paga: è quanto sembrano dimostrare i risultati di uno studio svolto presso le Università di Bonn e Maastricht e ora apparso sulle pagine della rivista “Economic Journal”. Secondo la ricerca, infatti, le persone inclini a comportarsi con iniquità o sulla base di una logica del tipo “occhio per occhio” tendono a essere più disoccupate delle altre persone. Inoltre, le persone vendicative tendono ad avere meno amici ed essere meno soddisfatte della propria vita.

Le persone generalmente fanno affidamento sul motto “occhio per occhio” ovvero secondo una certa reciprocità di comportamento: a un invito a cena si risponde con un analogo invito successivo; se un amico ci aiuta a fare un trasloco ci sentiamo vincolati a ricambiare il favore. In termini psicologici o nella teoria dei giochi questo atteggiamento va sotto il nome di reciprocità positiva.

Tratto da "Le Scienze" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Avere una relazione con una pe…

Carpazia, 30 anni     Buonasera, il più delle volte, giustamente direi, ci si concentra sulla persona che soffre di questa patologia, ma c'è b...

Esibizionismo (1609682059724)

Max, 39 anni     Buonasera, dopo la morte dei miei genitori circa tre anni fa, mi sono chiuso in un mondo immaginario (un lavoro, una casa, la ...

Area Professionale

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

Le parole della Psicologia

Paura

La paura è quell’emozione primaria di difesa, consistente in un senso di insicurezza, di smarrimento e di ansia, di fronte ad un pericolo reale o immaginario, o...

Resilienza

Quando parliamo di resilienza ci riferiamo alla quella capacità di far fronte in modo positivo a degli eventi traumatici riorganizzando positivamente la propria...

Illusioni

Il termine illusione (dal latino illusio, derivato di illudere, "deridere, farsi beffe") indica, in genere, quelle percezioni reali, falsate dall'intervento di ...

News Letters

0
condivisioni