Pubblicità

La verità impopolare sui pregiudizi verso le persone con disabilità

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 807 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

La necessità di guidare una sedia a rotelle può mettere i freni a una miriade di opportunità, alcune meno evidenti di quanto si possa pensare.

pregiudizi disabilità

Una nuova ricerca della Michigan State University fa luce sui pregiudizi che le persone hanno verso le persone con disabilità, noto come "abilismo" (discriminazione verso le persone con disabilità), e su come si sposta nel tempo.

Contrariamente alla credenze popolare, i risultati suggeriscono che i pregiudizi verso le persone con disabilità aumentano con l'età e nel tempo, e le persone, a livello pubblico, cercano in tutti i modi di nascoderlo.

"Le disabilità sono un argomento delicato e scomodo da affrontare per molte persone. Pochi sono disposti a riconoscere un pregiudizio verso le persone con disabilità," afferma William Chopik,  professore associato di psicologia e autore della ricerca stessa.

"Perché questo problema è così sottostimato, l'obiettivo della nostra ricerca è stato infatti quello di capirne il perché, e quali tipi di persone hanno pregiudizi più elevati contro le persone con disabilità."

La ricerca, pubblicata sul Journal of Social Issues, è la più ampia del suo genere e ha utilizzato i dati di 300.000 partecipanti raccolti in 13 anni. I partecipanti variavano da 18 a 90 anni, di cui  il 15% si considerava disabile.

Gli autori Jenna Harder, Victor Keller e Chopik hanno utilizzato i dati del Project Implicit, una piattaforma che consente agli utenti di apprendere e misurare pregiudizi in maniera anonima.

La piattaforma ha definito una disabilità come "una sorta di limitazione fisica, mentale o emotiva" e ha posto una serie di domande che misurano i sentimenti delle persone con disabilità.

I ricercatori hanno anche misurato quanti contatti hanno avuto i partecipanti con la comunità dei disabili utilizzando una scala da uno a sette, con item che vanno da "conosco qualcuno" a "ho un contatto costante" con una persona con disabilità.

I ricercatori hanno utilizzato le indagini per misurare atteggiamenti impliciti e pregiudizi espliciti. Risulta difficile spiegare che un atteggiamento implicito sono pensieri o sentimenti che accadono automaticamente, difficili da controllare, sopprimere o regolare.

Pubblicità


Gli atteggiamenti espliciti sono le cose con cui le persone concordano consapevolmente e sono più controllabili perché è così che le persone esprimono o ritraggono le loro opinioni su qualcosa pubblicamente. Si può pensare attraverso quello che stanno per dire e filtrare se stessi, ha affermato.

I ricercatori hanno scoperto che i pregiudizi impliciti degli intervistati sono aumentati nel tempo e con l'età, il che significa che avevano sentimenti meno favorevoli verso le persone con disabilità.

Ma, quando chiedono esplicitamente quanto i partecipanti preferissero le persone disabili, hanno condiviso risposte più positive con il tempo e l'età, il che significa che esteriormente hanno ritratto opinioni positive sulle persone con disabilità.

"Questo è un grande mistero perché le persone esteriormente dicono che si sentono meno di parte, ma in realtà l'atteggiamento implicito è stato sempre più forte col passare del tempo," ha affermato Chopik.

"Non è popolare esprimere opinioni negative sulle persone con disabilità, quindi, si sentono inclini a dire cose più belle pubblicamente. I cambiamenti negli atteggiamenti espliciti non sempre portano a cambiamenti nei pregiudizi impliciti infatti a volte diventare più consapevoli di un pregiudizio potrebbe aumentare pregiudizio implicito."

I risultati hanno anche rivelato che le donne percepivano un pregiudizio meno implicito e che le persone che avevano contatti con la popolazione disabile, avevano pregiudizi inferiori.

"Alcune delle nostre scoperte relative alle donne si allineano con gli stereotipi: quando si guarda a come uomini e donne confrontano i pregiudizi, le donne sono più compassionevoli verso i gruppi stigmatizzati,"  ha affermato Harder.

"Il genere è stato uno dei predittori più coerenti in questo studio, sostenendo le teorie secondo cui le donne sono particolarmente ricettive alle persone che percepiscono come bisognose di aiuto".

Chopik ha spiegato che il pregiudizio inferiore delle persone che hanno avuto contatti con le persone disabili era coerente con le teorie relative all'interazione con altri gruppi stigmatizzati.

"Come si interagisce di più con un gruppo stigmatizzato, si posso potenzialmente avere esperienze più positive con loro, il che cambia i vostri atteggiamenti," ha affermato "Si inizia con un certo pregiudizio, ma nel corso del tempo questi pregiudizi sono contestati e il vostro atteggiamento cambia perché avete la possibilità di sviluppare associazioni positive con il gruppo e vederli in una luce diversa."

I dati raccolti dai partecipanti disabili hanno mostrato sentimenti di calore nella propria comunità e un atteggiamento più positivo verso i loro coetanei. Più visibile era la disabilità, come aver bisogno di una sedia a rotelle o di un deambulatore, più forte era l'atteggiamento positivo verso di loro.

Chopik ha sottolineato la mancanza di ricerca sull'abilismo e spera di incoraggiare una maggiore partecipazione del mondo accademico.

"C'è un obiettivo più ampio ossia quello di aumentare l'inclusione e ridurre i pregiudizi e preconcetti nei confronti delle persone con disabilità," ha affermato Chopik. "Penso che tutti noi vogliamo vivere in una società dove le persone si sentano accolte e non essere costrette a fare cose per esserlo, e ci sono un sacco di modi per cercare di cambiare e sfidare ciò ripensando alle politiche e rendendo la nostra vita quotidiana più accessibile."


FONTE:

  • Jenna A. Harder, Victor N. Keller, William J. Chopik. Demographic, Experiential, and Temporal Variation in Ableism. Journal of Social Issues, 2019; DOI: 10.1111/josi.12341



Articolo a cura della dottoressa Arianna Patriarca

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: pregiudizi news di psicologia disabilità

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come imparare ad andare [1599…

mar, 29 anni Ho avuto una relazione di 5 anni finita per motivi banali, incomprensioni, caratteri opposti e contrastanti. La storia é finita quasi tre anni...

MARITO DEPRESSO DA 3 MESI [159…

blu, 43 anni Buongiorno, non riesco a capire come poter aiutare mio marito che oramai sono 3 mesi che è depresso soprattutto la mattina appena sveglio e l...

Consulenza [1599577765688]

Bice84, 36 anni Salve, volevo chiederle un'informazione riguardo alcuni comportamenti di mio marito. ...

Area Professionale

Disfunzioni sessuali dopo la s…

L'11 giugno 2019 l'European Medicines Agency (EMA) ha formalmente dichiarato di riconoscere la disfunzione sessuale post-SSRI (Post-SSRI Sexual Dysfunction, PSS...

Considerazioni teoriche sulla …

In letteratura sono presenti diverse teorie sulle cause sottostanti l'abuso e la violenza domestica. Queste includono teorie psicologiche che considerano i trat...

La relazione gene-ambiente nel…

Fra gli scienziati è in corso un importante dibattito sui nuovi modelli che esaminano il ruolo combinato dei geni e dell'ambiente nell'evoluzione della schizofr...

Le parole della Psicologia

Rêverie

“Rêverie sta a designare lo stato mentale aperto alla ricezione di tutti gli ‘oggetti’ provenienti dall’oggetto amato, quello stato cioè di recepire le identifi...

La sindrome di Alice nel Paese…

Disturbo neurologico  che colpisce la percezione visiva, associato a  emicrania, crisi epilettiche o sostanze stupefacenti. La sindrome di Alice nel ...

Mobbing

Il termine mobbing deriva dall’inglese “to mob” e significa assalire, soffocare, malmenare. Questo termine fu utilizzato per la prima volta in etologia da Konra...

News Letters

0
condivisioni