Pubblicità

La vita sociale all'origine della varietà dei volti umani

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 352 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

I tratti del volto degli esseri umani sono molto più variabili che negli altri animali, soprattutto nel triangolo formato da occhi, bocca e naso, e sono tutti indipendenti gli uni dagli altri. L'analisi dei geni correlati indica che questa variabilità è stata favorita da una vera e propria pressione selettiva, probabilmente innescata dalla necessità di distinguere i singoli individui senza avere l'olfatto o l'udito più sviluppati di cui sono dotate altre specie.
La straordinaria varietà dei volti umani - di gran lunga superiore a quella della maggior parte degli altri animali - è il risultato di una pressione evolutiva destinata a renderci facilmente riconoscibili nell'ambiente sociale complesso in cui viviamo. In altre parole, le articolate interazioni della società umana sono state un fattore trainante della diversificazione dei nostri volti, complice il fatto che per la nostra specie il senso più sviluppato è la vista e non l'olfatto o l'udito. E' questa la conclusione a cui sono giunti Michael Sheehan e Michael Nachman, dell'Università della California a Berkeley, al termine di una ricerca descritta su “Nature Communications”.
Analizzando i dati morfologici del viso contenuti in varie banche dati - tra cui l'archivio dell'Army Anthropometric Survey (ANSUR), che dal 1988 raccoglie i dati antropometrici di tutto il personale dell'esercito statunitense – i ricercatori hanno scoperto che i tratti del viso sono molto più variabili di altre caratteristiche del corpo, per esempio la lunghezza della mano. Inoltre, i tratti più variabili si trovano all'interno del triangolo formato da occhi, bocca e naso.

Tratto da lescienze.it Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Complesso di inferiorità (1548…

Maria, 24     Sono una ragazza di 24 anni neolaureata, mi sono trasferita a Milano per un master dove attualmente convivo con il mio fidanzato, a...

Tradimento e sofferenza (15486…

Eva, 39     Dopo 12 anni di matrimonio totalizzante e meraviglioso, ho improvvisamente tradito mio marito, una cosa che non avrei mai e poi mai c...

Area Professionale

Articolo 4 - il Codice Deontol…

Articolo 4 Nell’esercizio della professione, lo psicologo rispetta la dignità, il diritto alla riservatezza, all’autodeterminazione ed all’autonomia di coloro ...

Che cos’è il Test del Villaggi…

Il test del Villaggio è un reattivo psicodiagnostico che può essere somministrato ai bambini, agli adolescenti, agli adulti, alle coppie, alla coppia genitore-b...

Articolo 3 - il Codice Deontol…

Articolo 3 Lo psicologo considera suo dovere accrescere le conoscenze sul comportamento umano ed utilizzarle per promuovere il benessere psicologico dell’indiv...

Le parole della Psicologia

Anancasmo

Con i termine “anancasmo”, dal greco ἀναγκασμός ossia "costrizione, violenza", ci si riferisce al sintomo delle nevrosi ossessive o compulsive, consistente nell...

Disfunzioni Sessuali

La classificazione proposta dall’ICD-10 (International Classification of Diseases, Decima Versione) indica, innanzitutto, quattro criteri generali per poter d...

Dipsomania

Per dispomania si intende una patologia  caratterizzata da un irresistibile desiderio di ingerire bevande alcoliche. Per Dipsomania ( gr. δίψα "sete" e μα...

News Letters

0
condivisioni