Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

L'adolescente e le amicizie

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 343 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Il modo in cui gli adolescenti costruiscono e mantengono le loro amicizie è importante ai fini di una crescita equilibrata nella transizione verso l’età adulta. I ragazzi con relazioni positive tendono infatti a presentare una migliore condizione complessiva in termini di salute psicologica, ad avere più elevati risultati nelle attività scolastiche ed a porre le basi per più stabili e gratificanti relazioni nell’età adulta.

La carenza di relazioni sufficientemente positive , per contro, è associata all’insorgenza di varie problematiche che vanno dalle condotte delinquenziali ad una vasta gamma di disordini psicologici. Una recente indagine condotta negli Usa dalla Knight Foundation ha analizzato una vasta mole di dati relativi ad oltre 360 ricerche precedentemente effettuate su giovani in età adolescenziale allo scopo di tracciare un quadro esaustivo delle problematiche tipiche di questa fascia di età in rapporto soprattutto alle dinamiche interattive e di relazione tra i ragazzi e le figure genitoriali, i coetanei, le prime relazioni sentimentali e gli altri in genere.

Dalla ricerca è emerso che diversi fattori e specifici programmi di intervento possono essere d’aiuto ai ragazzi nello sviluppare adeguati comportamenti sociali e relazioni sociali più soddisfacenti. Per esempio, mantenere delle relazioni famigliari calorose in cui si percepisca disponibilità reciproca unitamente a bassi livelli di conflittualità intrafamigliare favoriscono lo sviluppo delle abilità sociali e dell’instaurazione di relazioni positive. In molti casi, l’acquisizione di più adeguati atteggiamenti in ambito sociale può essere facilitato da programmi educativi che aiutano il ragazzo ad individuare gli aspetti più problematici del suo rapporto con gli altri per giungere così ad una progressiva risoluzione della conflittualità interpersonale attraverso un maggiore autocontrollo e un’aumentata fiducia in sé stessi.

“I risultati dello studio – conclude la dott.ssa Elizabeth Hair, che ha partecipato al progetto di ricerca – indicano che soprattutto la qualità delle relazioni con i genitori influenza in maniera profonda le successive relazioni con amici e gli altri in genere”.

Tratto da:” Teen Relationships: More Than Long Phone Calls and Dating Dramas; New Resource Indicates What Works to Raise Teens with Positive Social Skills for Long-Term Benefits” - AScribe Newswire – Jul.02

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Mild Cognitive Impairment (MCI…

È uno stato di confine o di transizione tra l’invecchiamento normale e la demenza, noto come “lieve compromissione cognitiva”. Il declino cognitivo lieve consi...

Folie à deux

La folie à deux è un disturbo psicotico condiviso, ossia una “follia simultanea in due persone”.  Essa è una psicosi reattiva che insorge in modo simultane...

Narcoanalisi (o narcoterapia)

Detta anche narcoterapia, è una tecnica diagnostica e terapeutica, utilizzata in psichiatria, che consiste nella somministrazione lenta e continua, per via endo...

News Letters

0
condivisioni