Pubblicità

L’alcol ci rende meno preoccupati per i nostri errori

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 386 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)


Si dice che l’alcol, assunto in modeste quantità, possa anche fare bene. Sia chiaro, non lo diciamo noi ma alcuni studi scientifici. Fermo restando il dubbio, un nuovo studio invece afferma che l’alcol assunto in dosi maggiori può offuscare il cervello e rendere meno preoccupati per i propri errori.
Non solo, quindi, l’alcol annebbia la mente ma offusca un determinato segnale del cervello che metterebbe in allerta la persona dai possibili errori di valutazione. Un sistema, questo, che tra gli altri aiuta a evitare di mettersi in situazioni di pericolo.

 

 

In questo caso, però, farebbe da sprone per le persone insicure e ansiose, minimizzando i problemi, suggeriscono i ricercatori dell’Università del Missouri.
«Quando le persone commettono degli errori, l’attività in una parte del cervello responsabile del monitoraggio del comportamento aumenta. Essenzialmente vi è l'invio di un segnale di allarme ad altre parti del cervello indicando che qualcosa è andato storto – spiega Bruce Bartholow, professore associato di psicologia al’UM College of Arts and Science – Il nostro studio non è il primo a dimostrare che l'alcol riduce questo segnale di allarme, ma contrariamente a studi precedenti, il nostro studio dimostra che l’alcol non riduce la consapevolezza degli errori, si riduce quanto vi preoccupate di commettere questi errori».


 

Tratto da: "lastampa.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Depressione (1557401609185)

Victoria, 22 Mi sveglio già stanca, da troppo tempo ormai, quasi da sempre. Mio padre è tornato a casa ieri sera, ha iniziato a sistemare la spesa in cucina ...

Ipocondria (1556980274713)

 Kiki, 30 Salve,Avrei bisogno di un consulto riguardo una persona a me molto vicina e molto cara, la quale soffre di ipocondria. Fortunatamente non ha...

Coppia terapeutica (1556664446…

Giulia, 40     Salve, sono bipolare borderline seguita da oltre 20 anni da psichiatri e psicoterapeuti. Vorrei sottoporre alla vostra attenzion...

Area Professionale

Articolo 17 - il Codice Deonto…

Anche questa settimana proseguiamo su Psiconline.it, con l'art.17 (segreto professionale e tutela della Privacy), il lavoro di analisi e commento, a cura d...

Articolo 16 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.16 (comunicazioni scientifiche e anonimato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini ch...

Articolo 15 - il Codice Deonto…

proseguiamo su Psiconline.it, con il commento all'art.15 (Collaborazioni con altri professionisti), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini c...

Le parole della Psicologia

Controtransfert

“L’idea che il controtransfert rappresenti una creazione congiunta dell’analista e dell’analizzando riflette un movimento verso una concezione dell’analisi come...

Mania

L. Binswanger (Melanconia e mania, 1960) ha messo in evidenza come nella mania vi sia una destrutturazione della dimensione temporale della vita psichica che no...

La sindrome di Alice nel Paese…

Disturbo neurologico  che colpisce la percezione visiva, associato a  emicrania, crisi epilettiche o sostanze stupefacenti. La sindrome di Alice nel ...

News Letters

0
condivisioni