Pubblicità

L'alcol “rimpicciolisce” il cervello dei giovani

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 211 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Gli adolescenti che bevono alcolici hanno una regione del cervello più piccola dei coetanei, la corteccia prefrontale. È quanto dimostrato per la prima volta da Michael De Bellis, professore di psichiatria e scienze comportamentali e direttore dell'Healthy Childhood Brain Development Research Program al Duke University Medical Center, in uno studio apparso sulla rivista Alcoholism: Clinical & Experimental Research . Precedenti studi avevano dimostrato che adulti consumatori abituali di alcol oltre i limiti consigliati hanno queste stesse strutture cerebrali più piccole del normale, ma finora nessuna indagine era stata dedicata a scoprire se la stessa situazione fosse riscontrabile nei giovanissimi abituati a qualche bicchiere di troppo; bevitori sì, ma non da così tanti anni da far pensare che l'alcol abbia già fatto loro il “lavaggio del cervello”, ossia abbia lavorato al suo “rimodellamento”.

Ma con quasi un giovane delle scuole superiori su tre che è uso al binge drinking anche pesante (un comportamento in cui pesanti bevute, spesso concentrate nel week end, sono alternate a giorni di astinenza completa), hanno riferito gli esperti, era importante condurre queste indagini anche sui giovanissimi con qualche disordine nel consumo di alcolici.

tratto da Yahoo salute - prosegui nella lettura dell'articolo

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia di perdere i propri cari…

Rita, 22     Salve, parlo a nome del mio fidanzato che non sa che sto scrivendo qui. ...

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

Agorafobia

Il termine agorafobia viene dal greco e letteralmente significa: "paura degli spazi aperti”. Le persone che ne soffrono temono perciò lo spazio esterno, vissuto...

Tecnostress - Tecnofobia

Il Tecnostress (o tecnofobia) è una patologia che scaturisce dall'uso eccessivo e simultaneo di quelle informazioni che vengono veicolate dai videoschermi. Ess...

News Letters

0
condivisioni