Pubblicità

L'ALIMENTAZIONE TRA RAZIONALITA' E SENSAZIONE DI FAME E SAZIETA'

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 340 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Nella società odierna l’alimentazione, insieme all’attività fisica, rappresenta un cardine fondamentale dello stile di vita. Essa, purtroppo, non avviene in maniera razionale: ragazzi e adulti non hanno informazioni sufficientemente chiare e corrette su come ci si dovrebbe alimentare, e tendono per lo più a operare le proprie scelte a tavola su una base essenzialmente emotiva, cioè affidandosi semplicisticamente alla sensazione di piacere e alle preferenze personali di gusto.

L’obiettivo prioritario dell’alimentazione, invece, è quello di soddisfare i fabbisogni nutrizionali, garantendo così all’organismo la disponibilità di tutti i substrati di cui ha bisogno. Questo, tuttavia, non pregiudica la possibilità di una conciliazione tra necessità fisiologiche ed esigenze di natura edonistica: sarebbe sufficiente operare delle scelte ponderate sia nell’accostamento tra i vari alimenti sia nella moderazione delle quantità per raggiungere un equilibrio adeguato tra i due aspetti.

Per la stessa ragione bisognerebbe spiegare ai bambini che non ci sono cibi buoni o cattivi, e che è importante mangiare di tutto: carboidrati, lipidi, proteine, vitamine, sali minerali, oligoelementi, fibre e antiossidanti dovrebbero essere assunti regolarmente e nelle giuste proporzioni giornaliere. Un obiettivo facilmente raggiungibile con una dieta variata: l’esatto contrario della monotonia con cui tendono oggi ad alimentarsi i bambini, che non soltanto si cristallizzano sulle stesse abitudini, rischiando così di andare incontro a deficit di alcuni nutrienti, ma sono anche restii a provare e accettare sapori nuovi. L’alimentazione dovrebbe pertanto essere improntata a un criterio di ciclicità, esattamente come avviene per il ritmo sonno-veglia e per l’alternanza fame-sazietà. Ciclicità significa dunque alternanza di cibi diversi ma anche rispetto degli orari: un aspetto fondamentale per il bambino di oggi, spesso portato a saltare la prima colazione e ad alimentarsi in maniera irregolare nell’arco della giornata, con fuoripasto che condizionano l’appetito e la distribuzione dell’apporto calorico, che dovrebbe essere ripartito in un numero di pasti compreso tra 3 e 5.

Tratto da:Yahoo!Notizie, per ulteriori informazioni consulta l'articolo.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto (1539692710493)

JESSICA,40     Vivo un periodo difficile, dove l'ex del mio compagno fa di tutto per farti saltare le rotelle...e ci riesce, mi spia nei social, ...

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Ecolalia

L'ecolalia è un disturbo del linguaggio che consiste nel ripetere involontariamente, come un'eco, parole o frasi pronunciate da altre persone Si osserva, come ...

La sindrome di Alice nel Paese…

Disturbo neurologico  che colpisce la percezione visiva, associato a  emicrania, crisi epilettiche o sostanze stupefacenti. La sindrome di Alice nel ...

Ninfomania

Il termine ninfomane viene da ninfa (divinità femminile della mitologia e/o nome dato alle piccole labbra della vulva) e mania (che in latino significa follia)...

News Letters

0
condivisioni