Pubblicità

L'ALIMENTAZIONE TRA RAZIONALITA' E SENSAZIONE DI FAME E SAZIETA'

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 351 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Nella società odierna l’alimentazione, insieme all’attività fisica, rappresenta un cardine fondamentale dello stile di vita. Essa, purtroppo, non avviene in maniera razionale: ragazzi e adulti non hanno informazioni sufficientemente chiare e corrette su come ci si dovrebbe alimentare, e tendono per lo più a operare le proprie scelte a tavola su una base essenzialmente emotiva, cioè affidandosi semplicisticamente alla sensazione di piacere e alle preferenze personali di gusto.

L’obiettivo prioritario dell’alimentazione, invece, è quello di soddisfare i fabbisogni nutrizionali, garantendo così all’organismo la disponibilità di tutti i substrati di cui ha bisogno. Questo, tuttavia, non pregiudica la possibilità di una conciliazione tra necessità fisiologiche ed esigenze di natura edonistica: sarebbe sufficiente operare delle scelte ponderate sia nell’accostamento tra i vari alimenti sia nella moderazione delle quantità per raggiungere un equilibrio adeguato tra i due aspetti.

Per la stessa ragione bisognerebbe spiegare ai bambini che non ci sono cibi buoni o cattivi, e che è importante mangiare di tutto: carboidrati, lipidi, proteine, vitamine, sali minerali, oligoelementi, fibre e antiossidanti dovrebbero essere assunti regolarmente e nelle giuste proporzioni giornaliere. Un obiettivo facilmente raggiungibile con una dieta variata: l’esatto contrario della monotonia con cui tendono oggi ad alimentarsi i bambini, che non soltanto si cristallizzano sulle stesse abitudini, rischiando così di andare incontro a deficit di alcuni nutrienti, ma sono anche restii a provare e accettare sapori nuovi. L’alimentazione dovrebbe pertanto essere improntata a un criterio di ciclicità, esattamente come avviene per il ritmo sonno-veglia e per l’alternanza fame-sazietà. Ciclicità significa dunque alternanza di cibi diversi ma anche rispetto degli orari: un aspetto fondamentale per il bambino di oggi, spesso portato a saltare la prima colazione e ad alimentarsi in maniera irregolare nell’arco della giornata, con fuoripasto che condizionano l’appetito e la distribuzione dell’apporto calorico, che dovrebbe essere ripartito in un numero di pasti compreso tra 3 e 5.

Tratto da:Yahoo!Notizie, per ulteriori informazioni consulta l'articolo.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Difficoltà nei rapporti sessua…

Emilio, 20     Salve, sono Emilio, ho 20 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Identificazione proiettiva

“Ora mi sembra che l’esperienza del controtransfert abbia proprio una caratteristica particolare che dovrebbe permettere all’analista di distinguere le situazio...

Anomia

L' anomia è un deficit specifico della denominazione di oggetti, presente in diversi gradi nell' Afasia, mentre le altre componenti del linguaggio risultan...

Elettroshock

Di solito, la TEC, eseguita in anestesia, è una tecnica scevra da collateralità e con bassa incidenza di mortalità. ...

News Letters

0
condivisioni