Pubblicità

L’amico immaginario dei bambini, come conviverci?

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1423 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Se nostro figlio ha un amico immaginario con cui parla, gioca o litiga, dobbiamo preoccuparci? Se si inventa un simile personaggio, vuol dire che ha perso il contatto con la realtà? Significa forse che c’è qualcosa che non funziona in lui, in famiglia o a scuola?

Secondo Marjorie Taylor che ha pubblicato recentemente un volume per la casa editrice scientifica Oxford University Press, “I compagni immaginari e i bambini che li creano”, non solo non è il caso di preoccuparsi, ma bisogna considerare questa invenzione un modo normale e sano che hanno i più piccoli di adattarsi ad un ambiente complesso qual è il mondo degli adulti attuale; un mondo che essi iniziano a conoscere e in cui hanno scarso potere. Se poi si considera la familiarità che i bambini di questi anni hanno con i personaggi fantastici dei cartoni animati – molti dei quali si trasformano e diventano invisibili – si comprende facilmente perché essi possano costruirsi un amico immaginario ad uso e consumo personale.

 

Tratto da: "annaolivieroferraris" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficoltà nello studio per un…

Annesin, 75 Gentili Signori,ho bisogno di un consiglio, perché vorrei dare una mano a una persona a me cara per un problema piccolo, ma che la inquieta per g...

Depressione (1557401609185)

Victoria, 22 Mi sveglio già stanca, da troppo tempo ormai, quasi da sempre. Mio padre è tornato a casa ieri sera, ha iniziato a sistemare la spesa in cucina ...

Ipocondria (1556980274713)

 Kiki, 30 Salve,Avrei bisogno di un consulto riguardo una persona a me molto vicina e molto cara, la quale soffre di ipocondria. Fortunatamente non ha...

Area Professionale

Articolo 17 - il Codice Deonto…

Anche questa settimana proseguiamo su Psiconline.it, con l'art.17 (segreto professionale e tutela della Privacy), il lavoro di analisi e commento, a cura d...

Articolo 16 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.16 (comunicazioni scientifiche e anonimato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini ch...

Articolo 15 - il Codice Deonto…

proseguiamo su Psiconline.it, con il commento all'art.15 (Collaborazioni con altri professionisti), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini c...

Le parole della Psicologia

Il pregiudizio

Similare alla connotazione più negativa di uno stereotipo, in psicologia un pregiudizio (dal latino prae, "prima" e iudicium, "giudizio") è un'opinione preconce...

Sentimento

Il sentimento è quella risonanza affettiva, meno intensa della passione e più duratura dell’emozione, con cui il soggetto vive i suoi stati soggettivi e gli asp...

Anomia

L' anomia è un deficit specifico della denominazione di oggetti, presente in diversi gradi nell' Afasia, mentre le altre componenti del linguaggio risultan...

News Letters

0
condivisioni