Pubblicità

L’aria di città danneggia il cervello

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 561 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Il problema dell’inquinamento dell’aria è presente tutto l’anno ma, d’inverno, si sente ancora di più. I gas di scarico dei mezzi di trasporto si fanno via via sempre più persistenti e diventa praticamente impossibile non respirarli. Spesso poi si inalano direttamente dai tubi di scappamento dell’auto che si ha di fronte quando si è fermi in coda o, come sempre, si viaggia a passo d’uomo.

 

 

Va da sé, dunque, che ogni giorno ci facciamo la nostra bella dose di gas; cosa su cui si potrebbe anche soprassedere se non fosse che, come qualcuno ogni tanto ci ricorda, al pari del fumo: nuoce gravemente alla salute. Inutile allora ricordare che numerosi studi hanno confermato come i fumi degli automezzi possano essere causa di cancro, malattie cardiache – senza contare i più “banali” problemi respiratori, perché oggi un nuovo studio c’informa che, sempre loro, possono danneggiare il cervello. Questo, come se tutto il resto già non bastasse.

 

 

Tratto da: "lastampa.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Vivo ogni giorno con sempre me…

  lola, 23 anni   Salve, sono una ragazza di 23 anni e soffro di molti dei settori sopra indicati..avrei davvero bisogno di sfogarmi con qualcun...

Come offrire aiuto ad una amic…

Soffice, 42 anni     Buongiorno, ho un’amica che soffre di dipendenza affettiva nei confronti del proprio compagno, da 20 anni. Abbiamo entra...

Superare un lutto [16164405522…

Caregiver, 50 anni       Buonasera Dottori, Ho quasi cinquant'anni, non ho figli e non sono mai stata sposata. Ho passato gli ultimi ven...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Castrazione (complesso di)

Insieme di emozioni, sentimenti e immagini inconsce fissate nell’adulto che non ha superato l’angoscia di castrazione. La riattivazione di questa paura repres...

Pregoressia

È un disturbo alimentare, noto anche come mammoressia, legato all’ossessione di tornare subito in forma dopo il parto Non si tratta di un deficit contemplato n...

Eiaculazione precoce

Può essere definita come la difficoltà o incapacità da parte dell'uomo nell'esercitare il controllo volontario sull'eiaculazione. L’eiaculazione precoce consis...

News Letters

0
condivisioni