Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

L'attività cognitiva contrasta l'Alzheimer

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 217 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
La frequente partecipazione in attività che implicano una adeguata stimolazione cognitiva nel corso della vita può ridurre il rischio di patologie degenerative gravi, come la malattia di Alzheimer. Questo dicono i risultati di alcune ricerche longitudinali condotte su questa patologia da un gruppo di studiosi statunitensi, che hanno esaminato un vasto campione di soggetti per un periodo di circa 7anni, reperendo dati e studiando i protocolli sanitari relativi dal 1994 ad oggi. L’attenzione è stata orientata sulle attività svolte dai soggetti in esame e sulla frequenza con cui esse erano solitamente svolte, con particolare riferimento alle attività cognitive, distinte in semplici (per es. leggere quotidianamente il giornale) e più complesse (esercizi di memoria, studio, etc..).

I dati della ricerca hanno infatti mostrato che una frequente attivazione dei soggetti anziani in termini di mantenimento delle loro capacità cognitive su livelli sufficientemente adeguati, quindi per mezzo di una stimolazione quotidiana di tali funzioni neuropsicologiche, è associata ad una diminuzione del rischio di insorgenza di questa patologia.

La malattia di Alzheimer è una grave malattia degenerativa del cervello che si manifesta solitamente in età senile con alcuni sintomi tipici, primo tra i quali la drastica riduzione della capacità mestica e successivamente una progressiva alterazione di tutti gli altri centri neuro-funzionali a causa della distruzione del tessuto cerebrale e quindi delle cellule neuroniche, che conduce infine alla morte.

tratto da:” Cognitively Stimulating Activity May Reduce Risk of Alzheimer Disease” - FaxWatch Inc. – Feb.2002

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ho bisogno di aiuto (152681685…

NICOLE, 18     Salve, so molto bene che questa mia richiesta possa essere scartata per le motivazioni sopra riportate, ma ci provo lo stesso. ...

Elaborazione del lutto (152630…

paola, 50     Buongiorno, scrivo per ricevere un buon consiglio riguardo una situazione delicata. Il fidanzato di mia figlia frequenta l'universi...

Fine di un amore senza motivo …

tz86, 31     Buongiorno, è circa un mese che sono stato lasciato dalla mia ragazza. Una relazione breve, circa un anno. Ma molto intensa e bella...

Area Professionale

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Obesità e Confine del Sé nel T…

In tutti i disturbi del comportamento alimentare, ed in particolare nell'obesità, troviamo le problematiche relative alla dimensione del dare/avere e del dentro...

Le parole della Psicologia

Alcolismo

L'alcolismo si contraddistingue per l'incapacità di rinunciare ad assumere bevande alcoliche e ad autocontrollarne la quantità anche quando ciò si traduce in si...

Agnosia

L'agnosia (dal greco a-gnosis, "non conoscere") è un disturbo della percezione caratterizzato dal mancato riconoscimento di oggetti, persone, suoni, form...

Parafrenia

Sindrome psicotica, caratterizzata da vivaci allucinazioni (per lo più uditive, ma anche visive, tattili, olfattive, ecc.) e da idee deliranti, associate a di...

News Letters

0
condivisioni