Pubblicità

L'attività cognitiva contrasta l'Alzheimer

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 301 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
La frequente partecipazione in attività che implicano una adeguata stimolazione cognitiva nel corso della vita può ridurre il rischio di patologie degenerative gravi, come la malattia di Alzheimer. Questo dicono i risultati di alcune ricerche longitudinali condotte su questa patologia da un gruppo di studiosi statunitensi, che hanno esaminato un vasto campione di soggetti per un periodo di circa 7anni, reperendo dati e studiando i protocolli sanitari relativi dal 1994 ad oggi. L’attenzione è stata orientata sulle attività svolte dai soggetti in esame e sulla frequenza con cui esse erano solitamente svolte, con particolare riferimento alle attività cognitive, distinte in semplici (per es. leggere quotidianamente il giornale) e più complesse (esercizi di memoria, studio, etc..).

I dati della ricerca hanno infatti mostrato che una frequente attivazione dei soggetti anziani in termini di mantenimento delle loro capacità cognitive su livelli sufficientemente adeguati, quindi per mezzo di una stimolazione quotidiana di tali funzioni neuropsicologiche, è associata ad una diminuzione del rischio di insorgenza di questa patologia.

La malattia di Alzheimer è una grave malattia degenerativa del cervello che si manifesta solitamente in età senile con alcuni sintomi tipici, primo tra i quali la drastica riduzione della capacità mestica e successivamente una progressiva alterazione di tutti gli altri centri neuro-funzionali a causa della distruzione del tessuto cerebrale e quindi delle cellule neuroniche, che conduce infine alla morte.

tratto da:” Cognitively Stimulating Activity May Reduce Risk of Alzheimer Disease” - FaxWatch Inc. – Feb.2002

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Sig.ra (1553099447199)

Tiziana, 40     Buongiorno, vorrei avere un parere sulla mia storia di coppia che purtroppo mi sta logorando. ...

Gelosia o invidia? (1551968137…

Flow, 24     Buongiorno, ho 24 anni e sono sposato. ...

Problemi con la biologia marin…

JIM87, 32     Buongiorno ho frequentato il corso di laurea magistrale di biologia marina all'Università di Padova e dopo vari problemi con un pro...

Area Professionale

Articolo 9 - il Codice Deontol…

Articolo 9 Nella sua attività di ricerca lo psicologo è tenuto ad informare adeguatamente i soggetti in essa coinvolti al fine di ottenerne il previo consenso ...

Articolo 8 - il Codice Deontol…

Prosegue con l'articolo 8, anche questa settimana, su Psiconline.it il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani a cura di Catello Parm...

Articolo 7 - il Codice Deontol…

Proseguiamo su Psiconline.it, settimana dopo settimana, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di...

Le parole della Psicologia

Ipnosi

Particolare stato psichico, attraverso il quale è possibile accedere alla dimensione inconscia ed emotiva dell’individuo, concedendo al singolo l'apertura della...

Aggressività

In psicologia indica uno stato di tensione emotiva generalmente espresso in comportamenti lesivi e di attacco. Nel corso degli anni l’aggressività...

Binge Eating Disorder

Non si conosce ancora la causa esatta del BED (binge Eating Disorder), anche perché è una patologia da poco individuata e studiata come categoria a sé stante (s...

News Letters

0
condivisioni