Pubblicità

Le difficoltà psicologiche materne "ricadono" sui figli

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 676 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
I bambini le cui madri sono spesso ansiose, depresse ed hanno una marcata sintomatologia psicosomatica corrono il doppio dei rischi di doversi recare da un medico quando sperimentano dolori addominali e bruciori di stomaco rispetto ai bambini le cui madri riescono a gestire meglio gli stress emozionali. "Lo stato psicologico dei genitori appare essere un fattore particolarmente discriminante nel valutare la possibilità che i bambini chiedano di ricorrere ale cure dei medici." afferma Rona Levy, psicologa e docente alla Wahington University, che ha presentato una ricerca sull'argomento nel corso del Congresso annuale della "Society of Behavioral Medicine" tenutosi la scorsa settimana a Salt Lake City.

Le affermazioni della Dott.ssa Levy e dei suoi collaboratori, il Dott. Lynn Walker (docente di pediatria alla Vanderlbit University) e il Dott. William Whitehead (docente di medicina alla North Carolina University), derivano da una ampia ricerca volta ad esaminare i fattori sociali che determinano o influenzano il comportamento dei minori nei confronti delle malattie. Una parte importante della ricerca era basata sullo studio del "Colon irritabile", una patologia cronica che colpisce innazitutto l'universo femminile, e come i sintomi gastrointestinali presenti potessero essere "trasmessi" dalle madri ai loro figli.

Nel corso dello studio i ricercatori hanno esaminato 326 famiglie con figli compresi fra gli 8 e i 16 anni, inserite in un programma di tutela della salute a Seatlle. Innazitutto è stato effettuato uno screening per verificare quante richieste di visita gastrointestinale ci fossero state da parte dei ragazzi nei tre mesi precedenti. Nel frattempo le madri vennero sottoposte a numerosi questionari per verificare i livelli di ansia, depressione ed eventuali sintomatologie psicosomatiche. Uno dei questionari tendeva anche a verificare il tipo di risposta fornita sia in condizioni di buona salute dei figli che in condizioni di difficoltà comportamentali. Infine un ulteriore questionario, somministrato ai ragazzi, tendeva a valutare la risposta data dalle madri alle loro richieste di aiuto relative alla salute ed in particolare se i sintomi accusati erano di tipo gastrointestinale.

Nel corso dello studio venne anche controllato il livello di ansietà raggiunto dai ragazzi, situazione chiave per capire se la richiesta di visita medica derivasse da esigenze personali o dalla necessità di rispondere allo stato psicologico della madre. I problemi comportamentali sembrano non avere influenza sulla necessità dei ragazzi di consultare un dottore. Invece sembra emergere che i genitori ansiosi sono ipervigilanti nei confronti della eventuale sintomatologia accusata dai figli mentre i genitori "depressi" tendono ad iperbolizzare le cose e quindi ad intervenire anche in caso di piccoli problemi.

"Lo studio dimostra che l'attenzione materna nei confronti delle malattie può essere trasmessa alle generazioni successive" afferma la Levy "I genitori dovrebbero essere attenti a quello che insegnano ai figli su come gestire le sensazioni di disturbo fisico. Non diciamo di ignorare i sintomi dei figli ma certamente sarebbe maggiormente opportuno rispondere alle loro richieste cercando di inserirle in un contesto corretto e non in un contesto di risposta ansiosa o di tipo depressivo. Insegnare loro di cosa è giusto preoccuparsi e di cosa, invece, non è giusto, può aumentare la capacità dei ragazzi di rispondere correttamente ai loro sintomi fisici senza farli divenire il centro della loro vita."

La conclusione della Dott.ssa Levy è che spesso, in situazioni familiari compromesse dove si verifica una eccessiva attenzione ai simtomi somatici, è necessario intervenire su tutta la famiglia per riuscire a modificare sostanzialmente la situazione.

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto [1610926691822]

Brigida, 38 anni     Buonasera, sono una mamma disperata. Vi scrivo per un consulto in merito a mia figlia Giulia di 9 anni. Da un annetto circ...

Due mondi diversi [16092338958…

  Morfea23, 21 anni     Da circa 4 mesi sto con un ragazzo totalmente  opposto al mondo in cui da sempre vivo, per situazione famil...

Autostima? [161290462495]

    Buonasera! vi scrivo perche' alla soglia dei 50 anni mi rendo conto di non aver mai portato a termine i molti progetti professionali e pers...

Area Professionale

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Le parole della Psicologia

Fobie

Nel DSM-IV la fobia specifica è definita come la "paura marcata e persistente, eccessiva o irragionevole, provocata dalla presenza o dall'attesa di un oggetto o...

Sindrome di Stoccolma

Con l'espressione Sindrome di Stoccolma si intende un particolare stato di dipendenza psicologica e/o affettiva che si manifesta in alcuni casi in vittime di ep...

Efferenza

Il termine “efferenza” si riferisce alle fibre o vie nervose che conducono in una determinata direzione i potenziali di riposo e di azione provenienti da uno sp...

News Letters

0
condivisioni