Pubblicità

Le emozioni positive influenzano la memoria dei bambini (Rick Nauert)

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 448 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Anche se gli esperti dello sviluppo raccomandano caldamente ai genitori di giocare e parlare ai loro figli di 5 mesi, alcuni si domandano se questo bambino ricorderà qualcosa di tutto questo il giorno dopo.
Oggi, un nuovo studio della Brigham Young University suggerisce che egli ricorda i tempi buoni, se non di più.
Lo studio, pubblicato sul giornale “Infant Behavior and Development”, mostra che i bambini hanno una possibilità maggiore di ricordare qualcosa se c’è un’emozione, o un affetto, positivo che l’accompagna.
“Le persone studiano la memoria nei neonati, la discriminazione negli affetti, ma noi siano stati i primi a studiare come queste emozioni influenzano la memoria”, ha detto il professore Ross Flom, autore principale dello studio.
Nonostante i bambini di cinque mesi non sappiano parlare, c’è una serie di modalità diverse attraverso le quali i ricercatori possono analizzare come i bambini rispondono ai test.
In questo studio particolare, i ricercatori hanno monitorato i movimenti degli occhi dei neonati e per quanto tempo guardavano un’immagine del test.
I bambini furono posizionati di fronte ad un monitor piano rivestito di pannelli in una partizione chiusa e poi una persona sullo schermo parlava a loro con una voce felice, neutra o arrabbiata. Immediatamente dopo l’esposizione all’emozione, veniva mostrata loro una forma geometrica.
Per testare la loro memoria, i ricercatori eseguirono un test di follow-up 5 minuti dopo ed il giorno dopo. Nel test di follow-up, ai bambini furono mostrate due forme geometriche affiancate: una era nuova e l’altra era l’originale usata nello studio.
Gli studiosi poi registrarono quante volte i bambini guardavano da un’immagine all’altra e quanto tempo spesero a guardare ciascuna di esse.
Hanno scoperto, così, che la memoria dei bambini non era migliorata se la forma era stata accompagnata ad una voce negativa, ma essi avevano una prestazione decisamente migliore nel ricordare le forme collegate a voci positive.
“Pensiamo che ciò è successo perché un emozione positiva alza il sistema attentivo e l’arousal del bambino” dice Flom. “Innalzando questi due sistemi, aumentiamo la loro capacità di elaborare e forse di ricordare questo modello geometrico”.

 

Tratto da: psychcentral.com

(Traduzione a cura della Dott.essa Alice Fusella)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia ingestibile (15442947529…

Sofia, 17     E' da un anno che la mia vita non é più come era prima. a causa del tanto stress provocato probabilmente dalla scuola e dalla famig...

Disturbo alimentare (154418616…

Isa21,  20     Carissimo psiconline, saró breve e cercheró di spiegare come mi sento in maniera piú chiara possibile.Vivo all'estero per st...

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

ALESSITIMIA (O ALEXITEMIA)

Il termine alessitimia deriva dal greco e significa mancanza di parole per le emozioni  (a = mancanza, léxis = parola, thymόs = emozione ).  Esso vi...

Patografia

Ricostruzione delle patologie psichiche di personaggi celebri fondate sulle informazioni biografiche e sull’esame delle loro opere. La patografia è l' “autob...

Ipnosi

Particolare stato psichico, attraverso il quale è possibile accedere alla dimensione inconscia ed emotiva dell’individuo, concedendo al singolo l'apertura della...

News Letters

0
condivisioni