Pubblicità

Le modificazioni cerebrali adulte del virus Zika

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 611 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

neuroniI ricercatori hanno scoperto che l'infezione Zika correla con la morte cellulare e ridotta generazione di nuovi neuroni in alcune regioni cerebrali. Nell'adulto sono le popolazioni delle cellule staminali ad essere colpite dal virus, e in qualche modo sono molto suscettibili all'infezione.

Le preoccupazioni per il virus Zika sono state, ad oggi, concentrate prevalentemente sulle donne in gravidanza in virtù delle prove crescenti su come esso provochi anomalie cerebrali durante lo sviluppo fetale.

Tuttavia, una nuova ricerca sui topi condotta presso la Rockfeller University e la Jolla Institute for Allergy and Immunology suggerisce che alcune cellule del cervello adulto possono essere vulnerabili a tale infezione.

Tra queste popolazioni cerebrali sono state segnalate le cellule responsabili della sostituzione di neuroni persi o danneggiati durante l'età adulta, così come processi cellulari implicati nell'apprendimento e nella memoria.

Essendo questo il primo studio su soggetti adulti, sono necessarie ulteriori ricerche per determinare se questo danno ha implicazioni biologiche a lungo termine o il potenziale per influenzare il comportamento.

I ricercatori hanno precisato che i danni più evidenti e complessi si manifestano durante lo sviluppo cerebrale precoce, ma la maggior parte degli adulti infettati dallo Zika raramente mostrano sintomi rilevabili, in quanto il suo effetto sul cervello può essere più sottile e silente.

Da un punto di vista neurobiologico, all'inizio della gestazione, prima che il cervello si sviluppi e diversifichi in zone altamente specializzate, è popolato interamente dalle “cellule progenitrici neurali”, ossia le cellule staminali del cervello che consentono di ricostruire o riparare i neuroni del cervello durante tutta la sua vita.

Negli individui sani, tali cellule alla fine diventano neuroni completamente formati, e si pensa che ad un certo punto, durante questa lunga progressione, diventino resistenti allo Zika, spiegando perchè gli adulti sembrano meno sensibili alla malattia.

La prova corrente suggerisce invece che lo Zika colpisca le cellule progenitrici neurali, che porta ad una diminuzione di queste cellule e ad una riduzione del volume cerebrale.

Questi aspetti sono in linea con ciò che si presenta in condizioni di microcefalia, ossia una condizione di sviluppo legata all'infezione Zika che si traduce in una testa più piccola del normale e diverse disabilità intellettive dello sviluppo.

Il cervello maturo conserva nicchie di queste cellule progenitrici neurali che sembrano essere particolarmente influenzate dallo Zika.

Queste nicchie sono di vitale importanza per l'apprendimento e la memoria e nei topi esistono principalmente in due regioni, ossia la zona subventricolare del proencefalo anteriore e la zona subgranulare dell'ippocampo.

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: neuroni ippocampo virus Zika morte cellulare infezione

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Soffro di depressione (1546116…

jessica, 22     Ciao mi chiamo Jessica e ho 22 anni, è la prima volta che mi rivolgo a qualcuno. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Sessualità

La sessualità può essere intesa come l’espressione fondamentale dell’essere umano che coinvolge tutti gli aspetti della sua personalità: razionalità, affettivit...

Musofobia

Il termine musofobia, che deriva del greco μῦς (mys) che significa "topo", è la paura persistente ed ingiustificata per i topi, più in generale per i roditori. ...

La Dislessia

I DSA sono disturbi del neurosviluppo che riguardano la capacità di leggere, scrivere e calcolare in modo corretto e fluente che si manifestano con l'inizio del...

News Letters

0
condivisioni