Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Le modificazioni cerebrali adulte del virus Zika

on . Postato in News di psicologia

neuroniI ricercatori hanno scoperto che l'infezione Zika correla con la morte cellulare e ridotta generazione di nuovi neuroni in alcune regioni cerebrali. Nell'adulto sono le popolazioni delle cellule staminali ad essere colpite dal virus, e in qualche modo sono molto suscettibili all'infezione.

Le preoccupazioni per il virus Zika sono state, ad oggi, concentrate prevalentemente sulle donne in gravidanza in virtù delle prove crescenti su come esso provochi anomalie cerebrali durante lo sviluppo fetale.

Tuttavia, una nuova ricerca sui topi condotta presso la Rockfeller University e la Jolla Institute for Allergy and Immunology suggerisce che alcune cellule del cervello adulto possono essere vulnerabili a tale infezione.

Tra queste popolazioni cerebrali sono state segnalate le cellule responsabili della sostituzione di neuroni persi o danneggiati durante l'età adulta, così come processi cellulari implicati nell'apprendimento e nella memoria.

Essendo questo il primo studio su soggetti adulti, sono necessarie ulteriori ricerche per determinare se questo danno ha implicazioni biologiche a lungo termine o il potenziale per influenzare il comportamento.

I ricercatori hanno precisato che i danni più evidenti e complessi si manifestano durante lo sviluppo cerebrale precoce, ma la maggior parte degli adulti infettati dallo Zika raramente mostrano sintomi rilevabili, in quanto il suo effetto sul cervello può essere più sottile e silente.

Da un punto di vista neurobiologico, all'inizio della gestazione, prima che il cervello si sviluppi e diversifichi in zone altamente specializzate, è popolato interamente dalle “cellule progenitrici neurali”, ossia le cellule staminali del cervello che consentono di ricostruire o riparare i neuroni del cervello durante tutta la sua vita.

Negli individui sani, tali cellule alla fine diventano neuroni completamente formati, e si pensa che ad un certo punto, durante questa lunga progressione, diventino resistenti allo Zika, spiegando perchè gli adulti sembrano meno sensibili alla malattia.

La prova corrente suggerisce invece che lo Zika colpisca le cellule progenitrici neurali, che porta ad una diminuzione di queste cellule e ad una riduzione del volume cerebrale.

Questi aspetti sono in linea con ciò che si presenta in condizioni di microcefalia, ossia una condizione di sviluppo legata all'infezione Zika che si traduce in una testa più piccola del normale e diverse disabilità intellettive dello sviluppo.

Il cervello maturo conserva nicchie di queste cellule progenitrici neurali che sembrano essere particolarmente influenzate dallo Zika.

Queste nicchie sono di vitale importanza per l'apprendimento e la memoria e nei topi esistono principalmente in due regioni, ossia la zona subventricolare del proencefalo anteriore e la zona subgranulare dell'ippocampo.

 

Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psychostore

 

 

Tags: neuroni ippocampo virus Zika morte cellulare infezione

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con la mia ragazza e …

Sabrina, 16                   Salve, sono una ragazza di 16 anni, impegnata da quasi un anno e mezzo i...

Signor (1497211992990)

bruno, 76             Ogni giorno mi sento depresso e sempre triste nella mia vita ho pero tutti mia madre e mia nonna gl...

Adolescente che non si acconte…

sara, 36                 Salve,Siamo una famiglia di stranieri che vive in italia da diverso tempo,qualche an...

Area Professionale

Approvato il documento dell’Or…

Discusso e approvato al Consiglio Nazionale dell’Ordine (riunitosi sabato 17 giugno) il Documento “Ruolo della Psicologia nei Livelli Essenziali di Assistenza” ...

Workshop: I Pericoli di Facebo…

Il giorno 24 maggio 2017, presso la sede di Pescara dell’Ordine degli Psicologi della Regione Abruzzo, si è svolto il primo dei due incontri dedicati alla Web R...

La psicosi: tra Jung, Freud e …

La psicosi è, in gran parte, il risultato di una diade soggetto-oggetto che è presenta nella mente dell’individuo psicotico. Questo signific...

Le parole della Psicologia

Ortoressia

L'ortoressia (dal greco orthos "corretto" e orexis "appetito") è una forma di attenzione abnorme alle regole alimentari, alla scelta del cibo e alle sue caratte...

Ninfomania

Il termine ninfomane viene da ninfa (divinità femminile della mitologia e/o nome dato alle piccole labbra della vulva) e mania (che in latino significa follia)...

Dismorfismo corporeo

L’interesse sociale nei confronti del Disturbo di Dismorfismo Corporeo (BDD) è cresciuto solo recentemente nonostante sia stato documentato per la prima volta n...

News Letters