Pubblicità

Le persone riescono a riconoscere di media 5000 volti

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 781 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Nella storia della nostra specie, gli umani hanno tipicamente sempre vissuto in piccoli gruppi composti da meno di cento individidui.

volti

Un nuovo studio, pubblicato sul giornale Royal Society, suggerisce che le nostre abilità di riconoscimento facciale siano superiori alle mille unità. Dalla combinazione si misure separate di richiamo e riconoscimento, Jenkins e colleghi hanno mostrato che le persone riconoscono più di 5000 volti di media e che le differenze individuali sono ampie.

"Il nostro studio si focalizza sul numero di volti di persone che attualmente conosciamo - non abbiamo ancora trovato un limite a quanti volti il cervello possa gestire" spiega il capo autore Bob Jenkins ricercatore del Dipartimento di Psicologia all'Università di York.

"L'abilità di distinguere i volti di diversi individui è chiaramente importante- ci permette di avere traccia dei comportamenti delle persone nel tempo e di modificare il nostro comportamento concordandolo." Per lo studio, i partecipanti spendevano un' ora appuntando di quanti più possibili volti della loro vita ricordassero - includendo persone con cui andavano a scuola, colleghi e familiari -". Loro facevano lo stesso con volti famosi come attori, politici ed altre figure pubbliche. I partecipanti non hanno difficoltà iniziali nello scrivere molti volti ma dopo un'ora più difficilmente riescono a descrivere nuovi volti.

Pubblicità

Il cambio di velocità permette al Dr. Jenkins e colleghi di stimare quando i partecipanti finiscano la lista di volti completamente. Ai partecipanti vengono anche mostrate mille fotografie di persone famose e viene eseguito un compito di riconoscimento sui volti mostrati nelle foto. I ricercatori hanno fatto in modo di inserire nella lista sempre due volte ogni volto cosi da essere sicuri che i partecipanti lo riconoscano effettivamente.

I risultati hanno mostrato che i partecipanti hanno riconosciuto in media tra 1000 e 10000 volti. "Questo dato potrebbe essere spiegato dal fatto che le persone hanno un attitudine naturale per il riconoscimento di volti. Ci sono differenze in quanta attenzione le persone abbiano per i volti e di come efficientemente essi processino le informazioni riferite ai volti. In alternativa, potrebbe riflettere diversi contesti sociali - qualche partecipante potrebbe essere cresciuto in posti molto popolati con più input sociali."

 

 

Tratto da Sci-news

 

 

(Traduzione ed adattamento a cura del Dottor Claudio Manna)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: riconoscimento news di psicologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Abulia

abulia deriva Dal greco a-bule (non – volontà) indica uno stato soggettivo di mancanza o perdita della volontà. L'abulia si riferisce sia ad un disturbo dell...

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

Climaterio

In medicina si intende il periodo che precede e segue la menopausa, nella donna, o il periodo che precede l'andropausa, negli uomini, caratterizzato dalla cessa...

News Letters

0
condivisioni