Pubblicità

Le prestazioni cognitive delle donne possono migliorare a temperature dell'ambiente più elevate

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 541 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Un nuovo studio, valutando le prestazioni nei compiti di riflessione matematica, verbale e cognitiva, ha scoperto che gli effetti della temperatura variano significativamente tra uomini e donne.

temperature prestazioni

Le prestazioni delle donne sui test matematici e verbali sono migliori a temperature più elevate, mentre gli uomini ottengono risultati migliori con gli stessi test a temperature più basse, secondo lo studio dei ricercatori Tom Chang e Agne Kajackaite della USC Marshall School of Business a Los Angeles e la WZB Berlin Social Science Center a Berlino.

Nonostante alcuni studi precedenti hanno dimostrato che le donne preferiscono temperature più elevate, negli spazi chiusi, rispetto agli uomini, nessuna ricerca sperimentale che abbia analizzato l'effetto della temperatura sulle prestazioni cognitive, ha preso in considerazione le possibili differenze di genere.

Per colmare questa lacuna, tra settembre e dicembre 2017, 24 gruppi di 23-25 sudenti (542 partecipanti in totale) hanno effettuato prove logiche, matematiche e verbali in una stanza raffreddata o riscaldata sottoposta a una gamma di temperature tra i 16º e i 32º C , ricevendo premi in denaro in base al numero di domande correttamente risposte. Il 41% dei partecipanti erano donne.

Pubblicità


Gli autori hanno scoperto che le studentesse, generalmente, si comportavano meglio con i test di matematica e verbali quando la temperatura della stanza era più elevata, presentando risposte più corrette e più risposte complessive. Al contrario, gli studenti di sesso maschile hanno ottenuto, in generale, risultati migliori su questi stessi test a temperature più basse, a temperature più alte, invece, hanno presentato meno risposte complessive e meno risposte corrette. Invece, per quanto riguarda i test logici, la temperatura non sembrava influenzare le prestazioni per entrambi i sessi, non ha alcun impatto su una misura della riflessione cognitiva.

I partecipanti dello studio erano un gruppo relativamente omogeneo di studenti universitari tedeschi, quindi gli effetti della temperatura potrebbero variare per altri gruppi demografici. Gli autori suggeriscono che la temperatura dell'ambiente circostante potrebbe avere un impatto più significativo del semplice comfort, osservando che è possibile che "le normali variazioni della temperatura ambientale possano influire in modo significativo e diverso sulle prestazioni cognitive per uomini e donne".

Kajackaite e Chang riassumono: "In questo grande esperimento di laboratorio, oltre 500 persone hanno eseguito una serie di compiti cognitivi a temperature ambientali manipolate a caso, coerentemente con le loro preferenze per la temperatura, sia per la matematica sia per le attività verbali, le donne si comportano meglio a temperature più elevate mentre gli uomini eseguono quei compiti meglio a temperature più basse".

 

 

fonte

  • Chang TY, Kajackaite A (2019) Battle for the thermostat: Gender and the effect of temperature on cognitive performance. PLoS ONE 14(5): e0216362.

 

 

Articolo a cura del Dottor Andrea di Maio

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: prestazioni news di psicologia temperature

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Avere una relazione con una pe…

Carpazia, 30 anni     Buonasera, il più delle volte, giustamente direi, ci si concentra sulla persona che soffre di questa patologia, ma c'è b...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Manipolazione

La manipolazione psicologica è un tipo di influenza sociale, finalizzata a cambiare la percezione o il comportamento degli altri, usando schemi e metodi subdoli...

Allucinazioni

Con il termine allucinazioni si fa riferimento alla percezione di qualcosa che non esiste, ma che tuttavia viene ritenuta reale. Le allucinazioni si presenta...

Amaxofobia

L'amaxofobia è il rifiuto di origine irrazionale a condurre un determinato mezzo di trasporto. Può essere dovuta, per esempio, al coinvolgimento diretto o di p...

News Letters

0
condivisioni