Pubblicità

Le prime impressioni su una persona: i giudizi.

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1980 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Un noto detto invita la gente a "non giudicare un libro dalla copertina". Ma la gente tende a fare proprio questo, secondo una ricerca della Cornell University.

le prime impressioni su una personaVivian Zayas, professore di psicologia alla Cornell University, e i suoi colleghi hanno scoperto che le persone continuano ad essere influenzate dalla comparsa di un'altra persona, anche dopo aver interagito con loro faccia a faccia.

Le prime impressioni che si formano semplicemente guardando una fotografia predicono ciò che la gente percepirà e penserà su quella persona, dopo un’interazione diretta che avrà luogo da un mese a sei mesi più tardi.

"L’aspetto del viso ci farà capire cosa sentiamo su qualcuno, e anche come pensiamo che possano essere", ha detto Zayas, un esperto nei processi cognitivi e affettivi che regolano le relazioni strette.
 "Questi segnali facciali sono molto potenti nelle interazioni che devono determinarsi, anche in presenza di altre informazioni."

I ricercatori hanno eseguito esperimenti in cui 55 partecipanti hanno guardato le fotografie di quattro donne che erano sorridenti in un caso e aveva un'espressione neutra in un altro. Per ogni foto, i partecipanti hanno valutato se sarebbero potuti diventare amici con la donna, indicando il grado di simpatia, e se la sua personalità fosse estroversa o no, piacevole, emotivamente stabile, coscienziosa e aperta a nuove esperienze.

Sei mesi più tardi, i partecipanti allo studio hanno incontrato una delle donne più fotografate, non rendendosi conto che avevano valutato la sua fotografia in precedenza.
Hanno preso parte a un gioco basato su un quiz per 10 minuti poi sono stati invitati a conoscersi nel miglior modo possibile per altri 10 minuti. Dopo ogni interazione, i partecipanti allo studio hanno di nuovo valutato la simpatia e i tratti di personalità della persona.

I ricercatori hanno scoperto una forte coerenza tra la valutazione dei partecipanti sulla persona in base alla fotografia e quella basata sull'interazione diretta.

Se i partecipanti allo studio hanno pensato che una persona in una fotografia fosse simpatica, emotivamente stabile e con una personalità aperta, questa impressione si sarebbe confermata anche a termine dell’incontro faccia a faccia.

Del resto, i partecipanti che hanno pensato che la persona nella fotografia fosse sgradevole e aveva una personalità spiacevole e emotivamente instabile, hanno mantenuto tale sentenza anche dopo l’essersi conosciuti.

"Ciò che è notevole è che, nonostante le differenze di impressioni, i partecipanti interagendo con la stessa persona, hanno espresso diverse impressioni di lei anche dopo un'interazione 20 minuti di faccia a faccia", ha detto Zayas.

Zayas ha dato delle spiegazioni per questi risultati. Un concetto chiamato conferma comportamentale o profezia che si auto-avvera rappresentato, almeno in parte, con la coerenza dei giudizi. I partecipanti allo studio che avevano dichiarato di apprezzare la persona nella fotografia tendevano a interagire faccia a faccia in un modo più amichevole e più impegnato, ha detto.

"Stanno sorridendo un po’ di più, e si stanno sporgendo un po' di più. I loro segnali non verbali sono più caldi” ha detto. "Quando qualcuno è più caldo, quando qualcuno è più impegnato, la gente si sente meglio. Rispondono in modo naturale. Ed è di rinforzo: Il partecipante ama di più quella persona ".
Per quanto riguarda il motivo per cui i partecipanti hanno mostrato coerenza nei giudizi di personalità, un "effetto alone" potrebbe essere entrato in gioco.

I partecipanti che hanno dato alla persona fotografata una valutazione positiva le hanno attribuito anche altre caratteristiche positive. "Vediamo una persona attraente e anche socialmente competente, e constatiamo che i loro matrimoni sono stabili e i loro figli stanno bene. Noi andiamo ben oltre tale giudizio iniziale e diamo un certo numero di altre attribuzioni positive ", ha detto Zayas.

In uno studio correlato, Zayas e i suoi colleghi hanno scoperto che le persone hanno affermato che avrebbero voluto rivedere il loro giudizio delle persone nelle foto, nel caso in cui avessero avuto la possibilità di incontrarle di persona, perché avevano più informazioni su cui basare la loro valutazione.

"E la gente pensa davvero che avrebbero dovuto rivedere i loro giudizi", ha detto. "Ma nel nostro studio, le persone mostrano molto più consistenza nei loro giudizi, e poche prove di revisione."

Lo studio “Impressions Based on a Portrait Predict, 1-Month Later, Impressions Following a Live Interaction,” è stato recentemente pubblicato su Social Psychological and Personality Science.

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: prime impressioni giudizi, conferma comportamentale,

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Pedofilia

  Con il termine pedofilia si intende un disturbo della sessualità di tipo parafilico, caratterizzato da intensi e ricorrenti impulsi o fantasie sessuali ...

Isteria

L'isteria è una sindrome psiconevrotica, caratterizzata da manifestazioni somatiche e psichiche, che insorgono generalmente sulla base di una personalità isteri...

Gelosia retroattiva

La gelosia retroattiva prende anche il nome di sindrome di Rebecca, nome ispirato dal film di Alfred Hitchcock, ovvero Rebecca la prima moglie, tratto dal roman...

News Letters

0
condivisioni