Pubblicità

Le relazioni forti in età adulta non "compensano" gli effetti delle avversità della prima infanzia.

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 367 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Le condizioni difficili nei primi anni di vita sono una causa fondamentale dello stress degli adulti e questo effetto non è spiegato dalla mancanza di supporto sociale nell'età adulta.

 Le relazioni forti in età adulta

Il nuovo studio dell'Università di Notre Dame sui babbuini selvatici  è il primo a presentare un'analisi completa delle relazioni tra le prime esperienze di vita, i legami sociali degli adulti e le risposte allo stress degli adulti all'interno di un singolo sistema biologico.

Pubblicata in Proceedings of the National Academy of Sciences, la ricerca fa luce sugli effetti a lungo termine di esperienze come la carestia, l'abuso, l'abbandono o la morte di un genitore nella prima infanzia.

I ricercatori sostengono che le risposte allo stress disregolate causate da quelle esperienze - inclusi gli ormoni dello stress elevati - hanno un costo fisiologico sul corpo e rimangono inalterate da relazioni sane e di supporto nell'età adulta.

"Gli scienziati credono da tempo che il legame tra le prime avversità della vita e lo stress degli adulti potrebbe essere dovuto alla mancanza di supporto sociale in età adulta", ha detto Elizabeth Archie, professore associato presso il Dipartimento di Scienze Biologiche di Notre Dame e coautrice dello studio .

"Ma quello che abbiamo scoperto attraverso questo studio è che gli effetti a lungo termine delle difficoltà infantili sono più potenti degli effetti a breve termine del sostegno sociale, anche se quelle esperienze si sono verificate molti anni prima.Gli effetti delle prime avversità e il supporto sociale contro lo stress sembra viaggiare lungo percorsi fisiologici indipendenti, quindi "fissarne uno" non risolverà necessariamente l'altro ".

Una delle sfide per comprendere appieno come le avversità della prima infanzia possono manifestarsi in età adulta è che richiede la misurazione e il monitoraggio delle esperienze dalla nascita nel corso di diversi decenni.

Il team di Archie ha analizzato i dati raccolti da 192 babbuini femmine che sono state studiate dalla nascita attraverso l'Amboseli Baboon Research Project, uno sforzo longitudinale in corso che conduce ricerche sul comportamento dei babbuini selvatici in Kenya da quasi 50 anni.

Gli animali sono parenti evolutivi stretti degli umani e, in media, condividono una somiglianza genetica del 94%. Come molti primati, i babbuini sono altamente socievoli. Vivono in gruppi di circa 20-150 animali, tra cui diverse femmine adulte, maschi adulti e molti figli.

Pubblicità

Per lo studio, i ricercatori hanno misurato l'esperienza di vita rispetto ai livelli di glucocorticoidi (fGC), ormoni che regolano le funzioni fisiologiche come il metabolismo e la funzione immunitaria e moderano la risposta del corpo allo stress.

"La disregolazione degli ormoni dello stress o la risposta allo stress sono i principali fattori di rischio per depressione, ansia, infiammazione cronica e altri problemi di salute, quindi si ritiene che l'esperienza delle prime avversità della vita contribuisca alle disparità di salute globali", ha detto Archie, che è anche direttore associato del progetto Amboseli.

I livelli di fGC nei soggetti che hanno sperimentato tre o più forme di avversità infantile erano del 9% più alti rispetto a quelli che non hanno vissuto difficoltà.

Coloro che hanno sperimentato due o più tipi di avversità hanno mostrato livelli di fGC superiori del 14% rispetto ai coetanei che avevano sopportato solo una forma di disagio e del 21% superiori rispetto ai coetanei che non avevano sperimentato alcun disagio.

Mentre ricerche precedenti hanno dimostrato che le difficoltà nell'infanzia possono rendere più difficile la formazione di relazioni forti e di supporto da adulti, lo studio di Notre Dame ha scoperto che anche quando i legami sociali sono stati sviluppati in età adulta, ha avuto un effetto minore sui livelli di fGC e sulle risposte fisiologiche allo stress. 

"I legami sociali possono avere un effetto significativo sulla salute degli adulti, lo stress e la sopravvivenza", ha detto Archie, "ma non possono compensare gli effetti delle avversità della prima infanzia - il che significa che prendere di mira le avversità della prima infanzia è fondamentale per migliorare la salute degli adulti".

 

Reference:

Stacy Rosenbaum, Shuxi Zeng, Fernando A. Campos, Laurence R. Gesquiere, Jeanne Altmann, Susan C. Alberts, Fan Li, Elizabeth A. Archie. Social bonds do not mediate the relationship between early adversity and adult glucocorticoids in wild baboons. Proceedings of the National Academy of Sciences, 2020; 202004524 DOI: 10.1073/pnas.2004524117

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: stress relazioni

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

UNA chiacchierata per fare chi…

Ylenia Calabrese, 25 anni Salve,Nei miei 25anni ne ho passate di ogni.. ansia, depressione, attacchi di panico , disturbi alimentari ecc. ...

Sono cuckold [16058017191]

anto, 32 anni Salve, mi chiamo Antonio ho 32 anni e sono sposato da 4; io e mia moglie già da quando eravamo fidanzati praticavamo spiagge nudiste, dal pr...

Non riesco mai a partire [1605…

roberto, 61 anni Un sogno ricorrente. Lo visualizzo almeno una volta al mese da ormai cinque o sei anni. ...

Area Professionale

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

La psicologia forense

La psicologia forense, come definita dall'American Psychological Association è l'applicazione delle specialità cliniche al campo legale. La professione dello p...

Depressione adolescenziale e t…

Secondo un'analisi della letteratura, tra gli approcci psicoterapeutici che mostrano una certa efficacia nella gestione e trattamento della depressione adolesce...

Le parole della Psicologia

Archetipo

“La nostra psiche è costituita in armonia con la struttura dell'universo, e ciò che accade nel macrocosmo accade egualmente negli infinitesimi e più soggettivi ...

Parafrenia

Sindrome psicotica, caratterizzata da vivaci allucinazioni (per lo più uditive, ma anche visive, tattili, olfattive, ecc.) e da idee deliranti, associate a di...

Dipsomania

Per dipSomania si intende una patologia  caratterizzata da un irresistibile desiderio di ingerire bevande alcoliche. Per Dipsomania ( gr. δίψα "sete" e ...

News Letters

0
condivisioni