Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Le vittime delle armi da fuoco

on . Postato in News di psicologia

Secondo uno studio della Boston University, quasi ogni americano diventerà nel prossimo futuro una vittima della violenza delle armi.

vittime armi da fuocoQuasi tutti gli americani sono in grado di conoscere una vittima della violenza delle armi nel corso della loro vita sociale, il che indica che i cittadini sono "più vicini alla violenza delle armi di quanto essi percepiscono," secondo un nuovo studio condotto da ricercatori della Boston University Scuola di Sanità pubblica e Medicina.

In uno studio pubblicato nel Giornale di Medicina Preventiva, il team di ricerca ha utilizzato i dati delle lesioni da pistola fatali e non fatali avuti dai Centri di Malattia Controllo e Prevenzione (CDC) e le stime del numero di relazioni sociali di una persona matura durante tutta la sua vita misurando la probabilità degli americani di conoscere una vittima della violenza armata.

Nel complesso, la probabilità entro una data rete personale era 99,85 %; è stato più alto per i neri (99,9 %) e gli ispanici (99,5 %) che per i bianchi non-ispanici (97,1 %). La probabilità di conoscere una vittima di violenza armata che è morta (invece di essere solo ferita) è stato 84,3 % nel complesso, con neri e bianchi non-ispanici che hanno più alte probabilità.

I ricercatori hanno utilizzato stime consolidate nella rete sociale di una persona, da cui si trae un numero medio di rapporti nel corso della vita pari a 291.

"Abbiamo scoperto che la probabilità di non conoscere qualcuno che sperimenta la violenza armata nel corso della vita è minima", hanno scritto gli autori. "Lasciando da parte i dibattiti costituzionali su approcci per controllare la violenza delle armi, si potrebbe espandere il nostro studio a livello nazionale e riconoscere che quasi tutti gli americani, di tutti i gruppi razziali /etnici, conosceranno una vittima della violenza delle armi in una loro rete sociale."

Lo studio ha utilizzato i dati del CDC a partire dal 2013, che ha visto 33,636 morti di pistola e 84,258 soggetti con lesioni da pistola non mortali. Tra i morti, circa 21.000 erano suicidi.

Gli autori avvisano che tale studio non ha preso in considerazione il rischio più elevato affrontato da persone "che hanno marginali reti sociali con individui impegnati in attività criminali" o da quelli precedentemente esposti alla violenza.

Tuttavia, hanno asserito che, "Utilizzando i nostri presupposti, l'esposizione alla violenza armata è certa per alcuni individui. Per altri, la probabilità sarebbe pari a zero, anche se l'ipotesi semplificativa di casualità non è precisa."

Sandro Galea, autore principale dello studio, decano della School of Public Health (SPH) e il professore Robert A. Knox, hanno affermato che i risultati "suggeriscono fortemente la necessità di ulteriori ricerche correlate alle armi da fuoco ", e hanno evidenziato che la questione dell’esposizione alla violenza armata può essere ulteriormente esplorata attraverso studi longitudinali su larga scala. Lui e gli altri dirigenti della sanità pubblica stanno spingendo per il CDC a destinare fondi per la ricerca sulla violenza armata.

 


Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psicologi italiani

 

logo psychostore


 

 

Tags: armi, america, probabilità, esposizione,

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

problemi generici (14950614224…

Michele076, 41              Soffro di continuo di ansia che mi debilita totalmente, tanto da non farmi nemmeno usci...

Ho paura di rimanere sola (14…

queenemy85, 33             Ho paura di rimanere sola. Ho paura di dire qualcosa perchè ho paura di sbagliare. ...

Pensieri fastidiosi (149511804…

Sara, 22              Buon pomeriggio! Mi chiamo sara e ho 22 anni vi scrivo per avere un parere esterno perche da ...

Area Professionale

L'importanza del modello bio-p…

Nella gestione delle problematiche psicologiche e/o comportamentali, Il trattamento deve  ispirarsi al modello bio-psico-sociale e  affrontare tutti q...

Il perdono nella pratica clini…

Secondo recenti ricerche il perdono e la capacità di perdonare possono essere correlati alla propria struttura di personalità, al processo di matu...

L' odio come paura dell’altro …

Gli atti di odio sono tentativi di distrarre sè stessi da sentimenti come la solitudine, l'impotenza, l'ingiustizia, l'inadeguateza e la vergogna. L'odio...

Le parole della Psicologia

Agrafia

Il termine Agrafia deriva dal greco a-grapho (non-scrivo), indica la perdita parziale (paragrafia) o totale della capacità di scrivere, che insieme a q...

Nevrosi

Le nevrosi rappresentano un gruppo di disturbi che coinvolgono la sfera comportamentale, affettivo-emotivo e psicosomatica dell’individuo in assenza di un...

Introiezione

Introiezione è un termine di origine psicoanalitica, con il quale si intende quel processo inconscio, per cui l’Io incamera e fa proprie le rappres...

News Letters