Pubblicità

Le vittime delle armi da fuoco

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 899 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Secondo uno studio della Boston University, quasi ogni americano diventerà nel prossimo futuro una vittima della violenza delle armi.

vittime armi da fuocoQuasi tutti gli americani sono in grado di conoscere una vittima della violenza delle armi nel corso della loro vita sociale, il che indica che i cittadini sono "più vicini alla violenza delle armi di quanto essi percepiscono," secondo un nuovo studio condotto da ricercatori della Boston University Scuola di Sanità pubblica e Medicina.

In uno studio pubblicato nel Giornale di Medicina Preventiva, il team di ricerca ha utilizzato i dati delle lesioni da pistola fatali e non fatali avuti dai Centri di Malattia Controllo e Prevenzione (CDC) e le stime del numero di relazioni sociali di una persona matura durante tutta la sua vita misurando la probabilità degli americani di conoscere una vittima della violenza armata.

Nel complesso, la probabilità entro una data rete personale era 99,85 %; è stato più alto per i neri (99,9 %) e gli ispanici (99,5 %) che per i bianchi non-ispanici (97,1 %). La probabilità di conoscere una vittima di violenza armata che è morta (invece di essere solo ferita) è stato 84,3 % nel complesso, con neri e bianchi non-ispanici che hanno più alte probabilità.

I ricercatori hanno utilizzato stime consolidate nella rete sociale di una persona, da cui si trae un numero medio di rapporti nel corso della vita pari a 291.

"Abbiamo scoperto che la probabilità di non conoscere qualcuno che sperimenta la violenza armata nel corso della vita è minima", hanno scritto gli autori. "Lasciando da parte i dibattiti costituzionali su approcci per controllare la violenza delle armi, si potrebbe espandere il nostro studio a livello nazionale e riconoscere che quasi tutti gli americani, di tutti i gruppi razziali /etnici, conosceranno una vittima della violenza delle armi in una loro rete sociale."

Lo studio ha utilizzato i dati del CDC a partire dal 2013, che ha visto 33,636 morti di pistola e 84,258 soggetti con lesioni da pistola non mortali. Tra i morti, circa 21.000 erano suicidi.

Gli autori avvisano che tale studio non ha preso in considerazione il rischio più elevato affrontato da persone "che hanno marginali reti sociali con individui impegnati in attività criminali" o da quelli precedentemente esposti alla violenza.

Tuttavia, hanno asserito che, "Utilizzando i nostri presupposti, l'esposizione alla violenza armata è certa per alcuni individui. Per altri, la probabilità sarebbe pari a zero, anche se l'ipotesi semplificativa di casualità non è precisa."

Sandro Galea, autore principale dello studio, decano della School of Public Health (SPH) e il professore Robert A. Knox, hanno affermato che i risultati "suggeriscono fortemente la necessità di ulteriori ricerche correlate alle armi da fuoco ", e hanno evidenziato che la questione dell’esposizione alla violenza armata può essere ulteriormente esplorata attraverso studi longitudinali su larga scala. Lui e gli altri dirigenti della sanità pubblica stanno spingendo per il CDC a destinare fondi per la ricerca sulla violenza armata.

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: armi, america, probabilità, esposizione,

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Podofobia

Una tra le paure meno conosciute sembra essere la podofobia ovvero la paura dei piedi. Il termine fobia (che in greco significa “paura” e “panico”)&n...

Ansia

L’ansia è una sensazione soggettiva caratterizzata da un senso spiacevole di apprensione e preoccupazione spesso accompagnata da sintomi fisici di tipo autonomi...

Workaholism

Il workaholism, o dipendenza dal lavoro, può essere definito come “una spinta interna irresistibile a lavorare in maniera eccessivamente intensa”. Esso è consid...

News Letters

0
condivisioni