Pubblicità

Le vittime delle armi da fuoco

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 530 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Secondo uno studio della Boston University, quasi ogni americano diventerà nel prossimo futuro una vittima della violenza delle armi.

vittime armi da fuocoQuasi tutti gli americani sono in grado di conoscere una vittima della violenza delle armi nel corso della loro vita sociale, il che indica che i cittadini sono "più vicini alla violenza delle armi di quanto essi percepiscono," secondo un nuovo studio condotto da ricercatori della Boston University Scuola di Sanità pubblica e Medicina.

In uno studio pubblicato nel Giornale di Medicina Preventiva, il team di ricerca ha utilizzato i dati delle lesioni da pistola fatali e non fatali avuti dai Centri di Malattia Controllo e Prevenzione (CDC) e le stime del numero di relazioni sociali di una persona matura durante tutta la sua vita misurando la probabilità degli americani di conoscere una vittima della violenza armata.

Nel complesso, la probabilità entro una data rete personale era 99,85 %; è stato più alto per i neri (99,9 %) e gli ispanici (99,5 %) che per i bianchi non-ispanici (97,1 %). La probabilità di conoscere una vittima di violenza armata che è morta (invece di essere solo ferita) è stato 84,3 % nel complesso, con neri e bianchi non-ispanici che hanno più alte probabilità.

I ricercatori hanno utilizzato stime consolidate nella rete sociale di una persona, da cui si trae un numero medio di rapporti nel corso della vita pari a 291.

"Abbiamo scoperto che la probabilità di non conoscere qualcuno che sperimenta la violenza armata nel corso della vita è minima", hanno scritto gli autori. "Lasciando da parte i dibattiti costituzionali su approcci per controllare la violenza delle armi, si potrebbe espandere il nostro studio a livello nazionale e riconoscere che quasi tutti gli americani, di tutti i gruppi razziali /etnici, conosceranno una vittima della violenza delle armi in una loro rete sociale."

Lo studio ha utilizzato i dati del CDC a partire dal 2013, che ha visto 33,636 morti di pistola e 84,258 soggetti con lesioni da pistola non mortali. Tra i morti, circa 21.000 erano suicidi.

Gli autori avvisano che tale studio non ha preso in considerazione il rischio più elevato affrontato da persone "che hanno marginali reti sociali con individui impegnati in attività criminali" o da quelli precedentemente esposti alla violenza.

Tuttavia, hanno asserito che, "Utilizzando i nostri presupposti, l'esposizione alla violenza armata è certa per alcuni individui. Per altri, la probabilità sarebbe pari a zero, anche se l'ipotesi semplificativa di casualità non è precisa."

Sandro Galea, autore principale dello studio, decano della School of Public Health (SPH) e il professore Robert A. Knox, hanno affermato che i risultati "suggeriscono fortemente la necessità di ulteriori ricerche correlate alle armi da fuoco ", e hanno evidenziato che la questione dell’esposizione alla violenza armata può essere ulteriormente esplorata attraverso studi longitudinali su larga scala. Lui e gli altri dirigenti della sanità pubblica stanno spingendo per il CDC a destinare fondi per la ricerca sulla violenza armata.

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: armi, america, probabilità, esposizione,

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Parafilia

  Con il termine Parafilie si fa riferimento ad un insieme di perversioni sessuali caratterizzate dalla presenza di comportamenti regressivi che prendono ...

La sindrome di Alice nel Paese…

Disturbo neurologico  che colpisce la percezione visiva, associato a  emicrania, crisi epilettiche o sostanze stupefacenti. La sindrome di Alice nel ...

Ninfomania

Il termine ninfomane viene da ninfa (divinità femminile della mitologia e/o nome dato alle piccole labbra della vulva) e mania (che in latino significa follia)...

News Letters

0
condivisioni