Pubblicità

Leadership e testosterone

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1231 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Uno studio rileva che la leadership aziendale nel mondo reale non è correlata ai livelli di testosterone.

La leadership e il testosterone

La ricerca pubblicata nel Psychoneuroendocrinology ha trovato che i livelli di testosterone non possono prevedere la posizione di leadership di una persona.

I ricercatori hanno condotto uno studio sul campo in cui hanno confrontato i livelli di testosterone basali con lo stile di leadership tra i 125 manager e i regolari dipendenti di diverse aziende nei Paesi Bassi.

Lo studio ha trovato che alti livelli di testosterone basale erano associati ad uno stile di leadership più autoritario, ma solo nei non-manager.

I ricercatori hanno anche condotto una meta-analisi di 9 studi precedenti con 1.103 partecipanti totali che hanno esaminato il rapporto tra testosterone e leadership. Sia la ricerca sul campo che la meta-analisi non hanno trovato alcuna associazione tra i livelli di testosterone basali elevati e la leadership.

PsyPost ha intervistato l’autore dello studio, Leander van der Meij della Vrije Universiteit di Amsterdam. Leggi di seguito le sue risposte:

PsyPost: Perché eri interessato a questo argomento?

Siamo affascinati da diverse forme di leadership e il loro rapporto con la nostra fisiologia. Di particolare interesse per noi era il testosterone.

Tradizionalmente, questo ormone è stato collegato a molti comportamenti negativi come il dominio e l'aggressione, e anche le forme forti di leader come comportamenti dominanti e la leadership autoritaria.

Tuttavia, studi recenti hanno anche suggerito che i legami tra il testosterone e quei comportamenti negativi non sono così netti. A volte il testosterone è legato a comportamenti sociali positivi, ad esempio la verità e l’attenzione agli altri.

La nuova idea relativa è che il contesto specifico determina se il testosterone è relativo a questi comportamenti anti-sociali negativi o no. Se il contesto favorisce lo status sociale, per essere forte o autoritario dovremmo trovare che il testosterone è correlato ad una posizione dominante. Abbiamo voluto testare questa idea in un campione di manager e non dirigenti.

Quale dovrebbe essere la persona da togliere dal vostro studio?

La leadership del mondo reale non è spesso correlata a livelli di dominanza e di testosterone.

Ci sono importanti avvertimenti? Quali domande devono ancora essere affrontate?

La sfida principale è quello di identificare se ci sono alcuni contesti in cui il testosterone è legato alla leadership. Di particolare interesse sono i contesti che richiedono una risposta rapida e di azione unitaria, come durante una guerra. Ad esempio: gli ufficiali dell'esercito hanno elevati livelli di testosterone e questo si rapporta con il loro stile di leadership?

C'è qualcos'altro che vorresti aggiungere?

Il nostro studio dimostra che il comportamento umano è complesso e flessibile. Questo significa che si deve sempre tener conto del contesto in cui si verifica il comportamento.

Lo studio, "Testosterone basale, la leadership e il dominio: uno studio sul campo e meta-analisi", è stato anche condotto da Jaap Schaveling e Mark van Vugt.

Tags: leadership, collegamenti, stile autoritario, contesti sociali,

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Prosopoagnosia

La prosopoagnosia (o prosopagnosia) è un deficit percettivo del sistema nervoso centrale che impedisce il riconoscimento dei volti delle persone (anche dei fami...

Flooding

Indica una tecnica cognitivo-comportamentale che consiste nell'esposizione ripetuta del soggetto allo stimolo a valenza fobica, senza che vi sia per lui possibi...

Afasia

L’afasia è un disturbo della formulazione e della comprensione di messaggi linguistici, che consegue a lesioni focali cerebrali, in persone che avevano in pre...

News Letters

0
condivisioni