Pubblicità

L'eccesso di attenzioni non porta sollievo

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 667 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Mogli e mariti apprensivi amplificano il dolore. Secondo un curioso studio tedesco, condotto da Herta Flor, neuropsicologa all’università di Heidelberg, presentato all’ultimo Congresso di neuroscienze di Orlando e pubblicato su «New Scientist», chi soffre di mal di schiena cronico e ha un partner che si prende amorevolmente cura di lui ha una maggior attività cerebrale in risposta a uno stimolo doloroso: quindi, «soffre» di più rispetto a chi ha un partner indifferente ai suoi lamenti. In pratica, se ogni volta che il soggetto si lamenta per il mal di schiena, la moglie risponde con un eccesso di attenzione, per esempio somministrando un massaggio o portando la cena, il cervello del paziente impara a rispondere al dolore. Se, invece, la moglie cerca di distrarre il «sofferente», suggerendogli di fare una camminata, oppure lascia la stanza o semplicemente non presta attenzione, il cervello non ha alcun un feedback positivo nel presentare una risposta al dolore e si abitua a non farlo.

«E’ importante sottolineare che non si tratta di una risposta volontaria - spiega la Flor -. L’eccesso di attività cerebrale avviene automaticamente, secondo i meccanismi propri dell’apprendimento: in pratica, un partner protettivo rinforza l’esperienza del dolore, finendo col farlo peggiorare» .

Articolo interamente tratto da : Il Corriere della Sera - Salute" del 21.12.2002

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Insonnia

L'insonnia è un disturbo caratterizzato dall'incapacità di prendere sonno, nonostante ce ne sia il reale bisogno fisiologico. ...

Amaxofobia

L'amaxofobia è il rifiuto di origine irrazionale a condurre un determinato mezzo di trasporto. Può essere dovuta, per esempio, al coinvolgimento diretto o di p...

La Comunicazione

La comunicazione (dal latino cum = con, e munire = legare, costruire e dal latino communico = mettere in comune, far partecipe) nella sua prima definizione è l...

News Letters

0
condivisioni