Pubblicità

Leggere nella mente dei topi

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 964 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Gli studiosi possono prevedere dove un topo si sposterà basandosi sull' attività dei neuroni dell' ippocampo.

topi labirinto

Le "Place cells" (cellule spaziali) si attivano nell'ippocampo quando si trovano in una certa posizione, questa scoperta è stata fatta da John O'Keefe, May-Britt Moser e Edvard Moser.

Basandosi sull'attività delle cellule spaziali, gli scienziati possono determinare dove un ratto si trova. I neuroscienziati sono ora abili a definire dove un topo si dirigerà, dalle osservazioni dell'attività neuronale in un compito che testa la memomoria.

Ci sono i risultati di uno studio pubblicato sul Neuron portato a termine dal gruppo di Jozsef Csicsvari presso l'Institute of Science and Technology Austria (IST Austria).
Gli scienziati possono dedurre la localizzazione del topo basandosi sulle place cell, che si trovano nella regione cerebrale chiamata ippocampo, una trasmissione di segnali. Tuttavia, qualchevolta la cellula spaziale che si attiva, non corrisponde con l'attuale localizzazione del topo. "Questo ci dà un'idea su cosa l'animale sta pensando sullo spazio circostante" ha spiegato Jozsef Csicsvari. "Noi abbiamo usato questo fattore per capire come i ratti pensano durante i compiti che testano la memoria spaziale".

 

Pubblicità

 

Negli esperimenti, i topi sono passati attraverso un labirinto con otto braccia. Tre braccia contenevano delle ricompense. I topi hanno rivisitato di nuovo il labirinto così che hanno formato il ricordo di dove le rimcompense erano state nascoste. Questo compito coinvolge differenti forme di memoria spaziale: di riconoscimento e memoria di lavoro. La memoria di riconoscimento è quella memoria che consente a un topo di ricordare in quali braccia del labirimto c'è la ricompensa e quelle che non la contengono. La memoria di lavoro è quella memoria che mantiene tracce delle braccia in cui il topo non è ancora stato e quelle che ha già visitato già una volta, così che il topo non fa dei viaggi a vuoto.

I ricercatori possono testare la memoria di lavoro modificando l'esperimento così che solo le braccia che contengono la ricompensa sono aperte o anche la meomoria di riconoscimento bloccando le braccia che sono state già visitate.

I ricercatori poi si si sono domandati: come far attivare le cellule spaziali quando i topi percorrono un labirinto e come differisce l'attivazione tra i compiti della memoria di riconoscimento e quella di lavoro? Al centro del labirinto, prima che il topo entra nel prossimo braccio, la sequenza di cellule spaziali che si attivano corrispndono ciascuna alla strada percorsa dal topo nell'ultimo braccio visitato o al braccio che vuole percorrere successivamente. Nei compiti che testano la memoria di lavoro, la sequenza corrispondente è quella del prossimo braccio del labirinto il topo visiterà, offrendo così ai ricercatori un'opportunità per osservare gli immediati piani del topo.

"L'animale sta pensando a un posto diverso rispetto a quello in cui si trova. Infatti, possiamo prevedere in quale brasccio andrà il topo" ha spiegato Csicsvari.
Non solo i ricercatori possono predire dove il topo andrà in seguito, conoscono anche quando il ratto farà un errore. "Quando il topo compie un errore, riproduce un percorso casuale. Basandosi sulle cellule spaziali, possiamo prevedere che il topo farà un errore prima di compierolo". Tuttavia, la previsione fallisce nei compiti della memoria di lavoro. Nei compiti che testano solo la memoria di lavoro, il fattore di attivazione replica l'ultimo braccio del labirinto visitato dall'animale.

I ricercatori ipotizzano l'utilizzo da parte del cervello di differenti strategie per trovare una soluzione nei compiti di riconoscimento e della memoria di lavoro. "Con la memoria di riconoscimento, il cervello davvero viaggia e ricorda che 'questo è un luogo dove io sono stato'. Questo è compito dell'ippocampo, il quale è importante nei compiti spaziali. La memoria di lavoro è maggiormente astratta, ogni luogo è un punto sulla lista dell'animale da visitare. "L'ippocampo probabilmente segnala alla corteccia prefrontale dove si trovava il topo e la corteccia prefrontale mantiene la traccia di questi punti" ha spiegato in sintesi Csicsvari

 

 

Tratto da Science Daily

 

 

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Giulia Inglese)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

Tags: memoria topi memoria di lavoro news di psicologia ippoampo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Aprassia

L'aprassia (dal greco "a" prefisso di negazione e "praxía", cioe' fare, quindi incapacità di fare) è un deficit primitivo dell’attività motoria, che compare spe...

Atarassia

L’atarassia (dal greco “ἀταραξία”, assenza di agitazione o tranquillità) è «la perfetta pace dell’anima che nasce dalla liberazione delle passioni» secondo la f...

Sindrome da Alienazione Parent…

La Sindrome da Alienazione Parentale (PAS) è un disturbo che insorge quasi esclusivamente durante la fase di separazione o divorzio ed aumenta quando si verific...

News Letters

0
condivisioni