Pubblicità

L'erba logora i centri del piacere nel cervello

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 542 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Nell'immaginario comune è normalmente associata a momentanee sensazioni di piacere e relax.
Ma a lungo andare, la marijuana può sortire esattamente l'effetto opposto: i cervelli dei più assidui fumatori d'erba reagiscono meno efficacemente alla dopamina, un neurotrasmettitore che veicola le sensazioni di piacere e ricompensa nel cervello.
Mentre aumentano i paesi che optano per la legalizzazione della marijuana, i dubbi sui suoi effetti sul cervello rimangono immutati.
Uno di questi riguarda le conseguenze del suo abuso sulle vie dopaminergiche, quelle che si attivano in risposta a una sensazione positiva (indotta da cibo, sesso o particolari sostanze) e che generano piacevoli sensazioni a cascata.
Piaceri sintetici.
È noto che il cervello di chi abusa di alcol o cocaina produce meno dopamina di un cervello non dipendente.
Passati studi avevano messo in dubbio che ciò accadesse anche agli abituali consumatori di marijuana.

Tratto da www.focus.it - Prosegui nella lettura dell'articolo


0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Quello che emerge nell’emergen…

L'emergenza per il Covid-19 ha portato la comunità degli psicologi ad applicare nuove e più attuali forme di sostegno psicologico. Una riflessione sulle implica...

Il Test del Villaggio come tec…

La ripetizione e la trasformazione nello spazio e nel tempo Il test del Villaggio è composto da un kit di 200 pezzi di legno colorato raffiguranti edifici (cas...

Le parole della Psicologia

Afasia

L’afasia è un disturbo della formulazione e della comprensione di messaggi linguistici, che consegue a lesioni focali cerebrali, in persone che avevano in pre...

Abulia

abulia deriva Dal greco a-bule (non – volontà) indica uno stato soggettivo di mancanza o perdita della volontà. L'abulia si riferisce sia ad un disturbo dell’a...

ALESSITIMIA (O ALEXITEMIA)

Il termine alessitimia deriva dal greco e significa mancanza di parole per le emozioni  (a = mancanza, léxis = parola, thymόs = emozione ).  Esso vi...

News Letters

0
condivisioni