Pubblicità

L'esempio dei compagni è contagioso per gli adolescenti

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 498 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Un recente studio svolto negli Stati Uniti, fra gli adolescenti di scuole pubbliche nel Nevada, ha stabilito che il "cattivo esempio" è particolarmente importante nello stimolare l'uso e l'abuso di tabacco ed alcool. Harrington Cleveland ed suoi colleghi dell'Università di Las vegas (Nevada) hanno cercato di capire quanto la facilità di reperimento di determinate sostanze potesse rendere più immediato l'utilizzo delle stesse ed in particolare quanto l'influenza degli amici e dei compagni di scuola con i medesimi interessi potesse stimolare l'utilizzo di alcool e tabacco in coloro che non ne avevano mai fatto uso.

"In determinate situazioni" afferma il Dott. Cleveland "fra gli adolescenti che frequentano le scuole superiori e dove la condanna del fumo e dell'alcool è particolarmente forte, accade facilmente che vi sia la ricerca di un rapporto di amicizia e di auto sostegno fra coloro che fanno uso di queste sostanze, fino ad arrivare a formare veri e propri "gruppi" o Associazioni".

Partecipare a questi gruppi, afferma ancora Cleveland, può amplificare nei ragazzi una preesistente tendenza ed aumentare il rischio di utilizzo e di abuso di tabacco ed alcool. Dallo studio appare, infatti, che nelle scuole dove si formano questi gruppi e dove l'utilizzo di queste sostanze è più diffuso, vi è una possibilità 3 volte maggiore che i ragazzi siano indotti all'uso di alcool e tabacco rispetto alle scuole dove invece il numero di consumatori è ridotto.

Vi è anche una leggera differenza fra l'avvio all'uso di alcool e di tabacco con una prevalenza per la prima sostanza. Lo studio ha dimostrato, infatti, che l'esempio degli amici è più marcato ed efficace nell'indurre al consumamo di alcool piuttosto che di tabacco. L'ipotesi sottostante è che il fumo viene considerato socialmente più accettabile e quindi non è necessario "aggregarsi" per sentirsi spinti al consumo, così come invece accade per l'acool.

Perciò ambienti ad "alto consumo" di sostanze possono influire sull'inizio di utilizzo delle stesse ma non tanto quanto possono fare i gruppi di amici e il loro comportamento assunto come esempio. "Avere amici con i quali condividere le proprie scelte facilita la messa in atto delle stesse" affermano ancora Cleveland ed i suoi colleghi.

La conclusione dello studio, pubblicato sul numero di Gennaio/Febbraio di "Child Development", è che è necessario favorire la realizzazione di campagne di dissuasione dall'uso di alcool e tabacco, in particolare nelle scuole dove la ricettività all'esempio degli "amici" è più alta.

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Depressione (1557401609185)

Victoria, 22 Mi sveglio già stanca, da troppo tempo ormai, quasi da sempre. Mio padre è tornato a casa ieri sera, ha iniziato a sistemare la spesa in cucina ...

Ipocondria (1556980274713)

 Kiki, 30 Salve,Avrei bisogno di un consulto riguardo una persona a me molto vicina e molto cara, la quale soffre di ipocondria. Fortunatamente non ha...

Coppia terapeutica (1556664446…

Giulia, 40     Salve, sono bipolare borderline seguita da oltre 20 anni da psichiatri e psicoterapeuti. Vorrei sottoporre alla vostra attenzion...

Area Professionale

Articolo 17 - il Codice Deonto…

Anche questa settimana proseguiamo su Psiconline.it, con l'art.17 (segreto professionale e tutela della Privacy), il lavoro di analisi e commento, a cura d...

Articolo 16 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.16 (comunicazioni scientifiche e anonimato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini ch...

Articolo 15 - il Codice Deonto…

proseguiamo su Psiconline.it, con il commento all'art.15 (Collaborazioni con altri professionisti), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini c...

Le parole della Psicologia

Istinto

Il termine istinto, come indica l'etimologia stessa (il termine latino “instinctus”, deriva da instinguere, incitare), è usato nel linguaggio ordinario per indi...

Sindrome dell’arto fantasma

Il dolore della Sindrome dell'arto fantasma origina da una lesione diretta o indiretta del Sistema Nervoso Centrale o Periferico che ha come conseguenza un...

Riserva cognitiva

Alla fine degli anni Ottanta viene riconosciuta e definita la capacità individuale di resistere al deterioramento cognitivo fisiologico o patologico. Possono e...

News Letters

0
condivisioni