Pubblicità

L’ho scelto io il mio lavoro? No, lo ha fatto un ormone

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 316 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)


Che siate diventate impiegate, infermiere, creative o pragmatiche, autiste, insegnanti e via discorrendo potrebbe non essere una decisione dettata da vostre scelte consapevoli ma, per così dire, pilotata dagli ormoni sessuali maschili: gli androgeni.
E che dietro alle scelte di vita ci siano gli ormoni sessuali lo sostengono i ricercatori della Penn State University (Usa), dopo aver condotto uno studio per comprendere come le persone di entrambi i sessi si differenziassero per le scelte e gli interessi nei confronti dei diversi mestieri.

 

 

Per far ciò hanno analizzato le scelte tra la popolazione generale nei campi della scienza, la tecnologia, l’ingegneria e la matematica… ma non solo: in tutto i tipi di carriera studiati erano ben 64.
In particolare, i ricercatori, hanno analizzato l’influenza della cosiddetta iperplasia adrenale congenita (CAH) in adolescenti e giovani adulti di entrambi i sessi, valutando sia le persone con questa condizione genetica che i loro parenti che non la presentavano.

 

 

Tratto da: "lastampa.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Acting out

Il termine Acting out , letteralmente “passaggio all’atto”, indica l’insieme di azioni aggressive e impulsive utilizzate dall’individuo per esprimere vissuti co...

Aerofobia

Con il termine aerofobia (o aviofobia) viene definita la paura di volare in aereo per via di uno stato d'ansia a livelli significativi. ...

Catatonia

La prima descrizione della catatonia risale al 1874, quando lo psichiatra tedesco Karl Kahlbaum, nella sua monografia dal titolo Die Katatonie oder das Spannung...

News Letters

0
condivisioni