Pubblicità

L'IDENTIKIT DEL PICCOLO CRIMINALE: ITALIANO, BENESTANTE, RECIDIVO

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 754 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Il 70% dei reati commessi da minori si realizza in gruppo. Di questi l'85% viene commesso da ragazzi con cittadinanza italiana. L'eta' media e' 16 anni e in oltre l'85% dei casi gli autori sono di sesso maschile. Si tratta nel 55% dei casi di reati contro il patrimonio, per il 20% di delitti contro la persona (percosse, lesioni, omicidio e violenza sessuale); contro persona e patrimonio nel 20% dei casi e di reati di spaccio di sostanze stupefacenti e altro (5%). Sono i risultati dello studio condotto, tra il 2000 e il 2010 da Cristina Cabras, Professore Associato di Psicologia Sociale presso l'Universita' degli Studi di Cagliari e Specialista in Criminologia Clinica, che e' stato presentanto ieri al Seminario di Studio "Accogliere per prevenire il disagio psichico dei giovani: modelli e pratiche d'inclusione socio-lavorativa" organizzato dall'Isfol nell'ambito del "Programma per il sostegno e lo sviluppo dei percorsi integrati di inserimento socio lavorativo dei soggetti con disturbo psichico" promosso dal Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale.

"La condizione deviante non e' quasi mai riconducibile alla malattia mentale", ha detto Cabras che ha sottolineato come essa sia legata al "desiderio del rischio fine a se stesso", atteggiamento tipico dell'eta' adolescenziale che si ritrova sviluppato piu' frequentemente "nei ragazzi che appartengono a classi piu' agiate, per le loro maggiori possibilita' economiche". Secondo lo studio di Cabras "il comportamento delinquenziale aumenta fino all'eta' di 17 anni per poi regredire". "Mediamente la carriera criminale inizia a 17 anni, dura circa 6 anni e, nella maggioranza dei casi analizzati si conclude a 25 anni", ha sottolineato la docente. I dati raccolti dalla ricerca affermano che: tre quarti degli individui condannati in giovane eta' vengono ricondannati tra i 17 e i 24 anni, mentre solo la meta' di questi riceve condanne tra i 25 e i 32 anni. La crimiloga ha ricordato che "chi prosegue nell'attivita' criminale, lo fa in gruppo", sottolineando che "gli atti realizzati in gruppo non corrispondono a quelli che i singoli realizzerebbero".

Tratto da: "direnews.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Fobie

Nel DSM-IV la fobia specifica è definita come la "paura marcata e persistente, eccessiva o irragionevole, provocata dalla presenza o dall'attesa di un oggetto o...

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

Afasia

L’afasia è un disturbo della formulazione e della comprensione di messaggi linguistici, che consegue a lesioni focali cerebrali, in persone che avevano in pre...

News Letters

0
condivisioni