Pubblicità

L'IDENTIKIT DEL PICCOLO CRIMINALE: ITALIANO, BENESTANTE, RECIDIVO

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 518 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Il 70% dei reati commessi da minori si realizza in gruppo. Di questi l'85% viene commesso da ragazzi con cittadinanza italiana. L'eta' media e' 16 anni e in oltre l'85% dei casi gli autori sono di sesso maschile. Si tratta nel 55% dei casi di reati contro il patrimonio, per il 20% di delitti contro la persona (percosse, lesioni, omicidio e violenza sessuale); contro persona e patrimonio nel 20% dei casi e di reati di spaccio di sostanze stupefacenti e altro (5%). Sono i risultati dello studio condotto, tra il 2000 e il 2010 da Cristina Cabras, Professore Associato di Psicologia Sociale presso l'Universita' degli Studi di Cagliari e Specialista in Criminologia Clinica, che e' stato presentanto ieri al Seminario di Studio "Accogliere per prevenire il disagio psichico dei giovani: modelli e pratiche d'inclusione socio-lavorativa" organizzato dall'Isfol nell'ambito del "Programma per il sostegno e lo sviluppo dei percorsi integrati di inserimento socio lavorativo dei soggetti con disturbo psichico" promosso dal Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale.

"La condizione deviante non e' quasi mai riconducibile alla malattia mentale", ha detto Cabras che ha sottolineato come essa sia legata al "desiderio del rischio fine a se stesso", atteggiamento tipico dell'eta' adolescenziale che si ritrova sviluppato piu' frequentemente "nei ragazzi che appartengono a classi piu' agiate, per le loro maggiori possibilita' economiche". Secondo lo studio di Cabras "il comportamento delinquenziale aumenta fino all'eta' di 17 anni per poi regredire". "Mediamente la carriera criminale inizia a 17 anni, dura circa 6 anni e, nella maggioranza dei casi analizzati si conclude a 25 anni", ha sottolineato la docente. I dati raccolti dalla ricerca affermano che: tre quarti degli individui condannati in giovane eta' vengono ricondannati tra i 17 e i 24 anni, mentre solo la meta' di questi riceve condanne tra i 25 e i 32 anni. La crimiloga ha ricordato che "chi prosegue nell'attivita' criminale, lo fa in gruppo", sottolineando che "gli atti realizzati in gruppo non corrispondono a quelli che i singoli realizzerebbero".

Tratto da: "direnews.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come imparare ad andare [1599…

mar, 29 anni Ho avuto una relazione di 5 anni finita per motivi banali, incomprensioni, caratteri opposti e contrastanti. La storia é finita quasi tre anni...

MARITO DEPRESSO DA 3 MESI [159…

blu, 43 anni Buongiorno, non riesco a capire come poter aiutare mio marito che oramai sono 3 mesi che è depresso soprattutto la mattina appena sveglio e l...

Consulenza [1599577765688]

Bice84, 36 anni Salve, volevo chiederle un'informazione riguardo alcuni comportamenti di mio marito. ...

Area Professionale

Considerazioni teoriche sulla …

In letteratura sono presenti diverse teorie sulle cause sottostanti l'abuso e la violenza domestica. Queste includono teorie psicologiche che considerano i trat...

La relazione gene-ambiente nel…

Fra gli scienziati è in corso un importante dibattito sui nuovi modelli che esaminano il ruolo combinato dei geni e dell'ambiente nell'evoluzione della schizofr...

Marketing e comunicazione nel …

I social media ed internet hanno modificato il modo di comunicare di milioni di persone. Di conseguenza è cambiato anche il modo di fare marketing ed è import...

Le parole della Psicologia

Parafrenia

Sindrome psicotica, caratterizzata da vivaci allucinazioni (per lo più uditive, ma anche visive, tattili, olfattive, ecc.) e da idee deliranti, associate a di...

Temperamento

La psicologia definisce temperamento “L’insieme di disposizioni comportamentali presenti sin dalla nascita le cui caratteristiche definiscono le differenze indi...

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. L...

News Letters

0
condivisioni