Pubblicità

L'immaginazione contro l'insonnia

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 490 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Una persona su 10 in media soffre di insonnia cronica ed i problemi che derivano da un cattivo rapporto col sonno raggiungono anche gravi conseguenze in termini di salute psichica e –secondo stime recenti – di incidenti automobilistici; è stato infatti rilevato che almeno un quinto degli incidenti stradali si verificherebbe a causa di colpi improvvisi di sonno da parte del guidatore. Per superare il problema i medici prescrivono solitamente farmaci e suggeriscono condizioni ambientali ed abitudini alimentari più salutari per favorire un ritmo sonno-veglia adeguato e che permetta di apportare il necessario benessere psichico e fisico.

La dr.ssa Allison Harvey, psicologa presso l’Università di Oxford (GB), ha condotto un piccolo esperimento sull’argomento lavorando su un campione di persone sofferenti di insonnia cronica e proponendo loro, suddividendoli in più gruppi, diversi modi e strategie per affrontare il momento critico dell’addormentamento.

I soggetti erano suddivisi in piccoli gruppi ognuno dei quali era identificato da una particolare rappresentazione dello scenario favorente l’addormentamento in base alle note modalità delle tecniche di immaginazione guidata; alcuni per esempio immaginavano la classica situazione del contare le pecore che saltano, altri immaginavano di trovarsi in un particolare luogo tranquillo del sud della Francia durante un pomeriggio afoso estivo, altri ancora di essere nelle ore serali di una località del Tirolo, etc..

I risultati ottenuti hanno mostrato che nei casi in cui sono state adottate tecniche immaginative più complesse e aventi come scenari dei luoghi lontani che ispirano maggiormente la fantasia i soggetti raggiungevano il sonno in media circa venti minuti prima rispetto alle loro abitudini, mentre al contrario quelli che erano ricorsi a scenari più “tradizionali”, come le pecore che saltano, mostravano tempi di addormentamento anche maggiori rispetto alle loro abitudini normali.

(tratto da:”Trouble Sleeping? Don't Count on Sheep” - The Guardian Unlimited – Jan.2002)

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficolta' a dimenticare [159…

Alidra82, 38 anni Gentili dottoriIl mio problema puo' sembrare molto banale, ma e' un problema che limita molto la mia vita e da cui non riesco a liberarmi...

Genitore inadeguato [15992344…

DEDDA, 47 anni   Buongiorno, mia figlia 15enne soffre di blocchi emotivi a scuola. Quando deve fare un'interrogazione si chiude in se stessa, terror...

Come imparare ad andare [1599…

mar, 29 anni Ho avuto una relazione di 5 anni finita per motivi banali, incomprensioni, caratteri opposti e contrastanti. La storia é finita quasi tre anni...

Area Professionale

Funzionamento cognitivo in sog…

Recenti ricerche suggeriscono che le persone che presentano esperienze psicotiche, ma nessuna diagnosi di malattia psicotica, presentano un'alterazione del funz...

Il "potere" nella re…

Nonostante si possa pensare che vi sia uno squilibrio di potere all'interno della relazione terapeutica, in realtà lo psicoterapeuta non esercita un maggiore po...

Disfunzioni sessuali dopo la s…

L'11 giugno 2019 l'European Medicines Agency (EMA) ha formalmente dichiarato di riconoscere la disfunzione sessuale post-SSRI (Post-SSRI Sexual Dysfunction, PSS...

Le parole della Psicologia

Paura

La paura è quell’emozione primaria di difesa, consistente in un senso di insicurezza, di smarrimento e di ansia, di fronte ad un pericolo reale o immaginario, o...

Acalculia

L'acalculia è un deficit di calcolo mentale e scritto. Il termine acalculia è apparso per la prima volta nel 1925, proposto da Henschen, il quale la definì c...

Claustrofobia

La claustrofobia (dal latino claustrum, luogo chiuso, e phobia, dal greco, paura) è la paura di luoghi chiusi e ristretti come camerini, ascensori, sotterranei...

News Letters

0
condivisioni