Pubblicità

Linee guida per l'uso di terapie integrative nel trattamento del cancro al seno

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 329 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

In tutto il mondo si stima che il 33-47% di individui con una diagnosi di cancro al seno usa terapie complementari, alternative o integrative (ovvero, vitamine, minerali, yoga, meditazione, agopuntura e massaggi) durante il trattamento del cancro, mentre solo nel Nord America la percentuale raggiunge il 48-80% di persone, guarite dal cancro al seno, che hanno usato le terapie complementari ed integrative dopo la diagnosi.

Seguendo i metodi delineati dall’Istituto di Medicina, sono state sviluppate delle linee guida sull’eventuale uso di tali metodi, in base ad una revisione sistematica della letteratura presente, in particolare analizzando quegli studi che indagavano l’uso della medicina complementare ed integrativa, durante il trattamento del cancro al seno, in quanto cura di supporto. Quindi, sono stati selezionati solo quei risultati considerati clinicamente rilevanti per le pazienti, focalizzandosi sia sul periodo del trattamento attivo del cancro, che su quello successivo, per valutare gli eventuali effetti collaterali a breve e lungo termine (generalmente mesi o anche anni dopo il trattamento).
Inoltre, i ricercatori hanno graduato le terapie prese in considerazione, in base ai benefici ed all’efficacia di ciascuna, per cui si definiscono terapie di Grado A e B quelle con un’alta probabilità di efficacia e che, quindi, vengono raccomandate; terapie di Grado C quelle con una bassa probabilità di essere efficaci e che, comunque, rimangono oggetto di discussione; terapie di Grado D e H quelle che vengono sconsigliate perché ritenute dannose (ovvero, l’acetil-l-carnitina).

Pubblicità

La ricerca, quindi, raccomanda l’uso di terapie comportamentali (per esempio, meditazione/mindfulness, rilassamento), i massaggi, la gestione dello stress e lo yoga per migliorare l’umore nel contesto di ansia e depressione durante il trattamento del cancro, ma anche per ridurre la stanchezza e migliorare la qualità della vita.

A parte l’uso del ginseng per la stanchezza, dello zenzero per il CINV e del vischio per migliorare la qualità della vita (tutti di Grado C), le raccomandazioni non possono essere fatte per altri prodotti botanici o integratori alimentari, in quanto alcuni di questi mancavano di efficacia a lungo termine.

Infine, dato il numero limitato di raccomandazioni di Grado A e B, i dottori dovrebbero coinvolgere le pazienti nel momento in cui si devono prendere queste decisioni, illustrando i benefici ed i danni, rilevati empiricamente, per rispettare i valori e le preferenze delle pazienti ed al fine di far accettare loro la prognosi.

 

(Traduzione e riassunto a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 


Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Effetto Zeigarnik

L’effetto Zeigarnik è uno stato mentale di tensione causato da un compito non portato a termine. L'effetto Zeigarnik descrive come la mente umana ha più faci...

Flooding

Indica una tecnica cognitivo-comportamentale che consiste nell'esposizione ripetuta del soggetto allo stimolo a valenza fobica, senza che vi sia per lui possibi...

Dejà vu - Dejà vecu

Da due secoli, il fenomeno del "déjà-vu" affascina il mondo della scienza ed è stato oggetto di numerose interpretazioni, dalle più strampalate, che gli attribu...

News Letters

0
condivisioni