Pubblicità

Lingua che parli, colore che vedi

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 279 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

La componente linguistica ha un ruolo di notevole importanza nei processi cognitivi di discriminazione del colore. La lingua che si parla influisce sulla percezione dei colori. Lo ha definitivamente stabilito una ricerca condotta da un gruppo di psicologi della Stanford University di Palo Alto, in California, che ne dà notizia in un articolo pubblicato sull'ultimo numero dei  Proceedings of the National Academy of Sciences.

Jonathan Winawer e colleghi hanno infatti scoperto, misurando oggettivamente le prestazioni di diversi soggetti in relazione a un particolare compito percettivo, che la lingua madre concorre alla definizione degli specifici schemi di discriminazione dei colori. I ricercatori hanno confrontato la capacità di due gruppi di persone, di madrelingua rispettivamente inglese e russa, nel discriminare differenti toni di blu indicando quali fra tre quadrati colorati fossero uguali. A differenza dell'inglese, il russo non possiede una singola parola per indicare il blu, ma costringe chi parla a optare o per un termine che indica il blu chiaro ( goluboy ) o per quello che indica il blu scuro ( siniy ).

Tratto da "Le Scienze.it"- prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Area Professionale

Un articolo alla volta - Comme…

Catello Parmentola ed Elena Leardini introducono il loro impegno con i visitatori di Psiconline.it a commentare, articolo dopo articolo, il Codice Deontologico ...

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Le parole della Psicologia

Castità

Il termine "Castità" deriva dal latino castus, "casto" - connesso probabilmente al verbo carere, "essere privo (di colpa). Esso indica, nell' accezione comun...

Sindrome di De Clerambault

La Sindrome di De Clerambault in psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona pro...

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

News Letters

0
condivisioni