Pubblicità

Lingua che parli, colore che vedi

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 310 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

La componente linguistica ha un ruolo di notevole importanza nei processi cognitivi di discriminazione del colore. La lingua che si parla influisce sulla percezione dei colori. Lo ha definitivamente stabilito una ricerca condotta da un gruppo di psicologi della Stanford University di Palo Alto, in California, che ne dà notizia in un articolo pubblicato sull'ultimo numero dei  Proceedings of the National Academy of Sciences.

Jonathan Winawer e colleghi hanno infatti scoperto, misurando oggettivamente le prestazioni di diversi soggetti in relazione a un particolare compito percettivo, che la lingua madre concorre alla definizione degli specifici schemi di discriminazione dei colori. I ricercatori hanno confrontato la capacità di due gruppi di persone, di madrelingua rispettivamente inglese e russa, nel discriminare differenti toni di blu indicando quali fra tre quadrati colorati fossero uguali. A differenza dell'inglese, il russo non possiede una singola parola per indicare il blu, ma costringe chi parla a optare o per un termine che indica il blu chiaro ( goluboy ) o per quello che indica il blu scuro ( siniy ).

Tratto da "Le Scienze.it"- prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Depressione (1557401609185)

Victoria, 22 Mi sveglio già stanca, da troppo tempo ormai, quasi da sempre. Mio padre è tornato a casa ieri sera, ha iniziato a sistemare la spesa in cucina ...

Ipocondria (1556980274713)

 Kiki, 30 Salve,Avrei bisogno di un consulto riguardo una persona a me molto vicina e molto cara, la quale soffre di ipocondria. Fortunatamente non ha...

Coppia terapeutica (1556664446…

Giulia, 40     Salve, sono bipolare borderline seguita da oltre 20 anni da psichiatri e psicoterapeuti. Vorrei sottoporre alla vostra attenzion...

Area Professionale

Articolo 17 - il Codice Deonto…

Anche questa settimana proseguiamo su Psiconline.it, con l'art.17 (segreto professionale e tutela della Privacy), il lavoro di analisi e commento, a cura d...

Articolo 16 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.16 (comunicazioni scientifiche e anonimato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini ch...

Articolo 15 - il Codice Deonto…

proseguiamo su Psiconline.it, con il commento all'art.15 (Collaborazioni con altri professionisti), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini c...

Le parole della Psicologia

Bossing

Il bossing o job-bossing è definibile come una forma di mobbing "dall'alto" ossia attuato non da colleghi di lavoro (o compagni di scuola, di squadra s...

Solipsismo

Il solipsismo (dal latino "solus", solo ed "ipse", stesso, quindi "solo se stesso") è un attaccamento patologico al proprio corpo di tipo autistico o narcisisti...

Suicidio

Per suicidio (dal latino suicidium, sui occido, uccisione di se stessi) si intende l'atto con il quale un individuo si procura volontariamente e consapevolmente...

News Letters

0
condivisioni