Pubblicità

Linguaggio, il deficit non dipende dall'emisfero cerebrale

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 717 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

"Nella maggior parte delle persone, il linguaggio viene elaborato in modo predominante dall'emisfero sinistro del cervello, ma non è chiaro come e perché questo avvenga. Alcuni studi hanno però indicato che in alcuni individui le aree dedicate al linguaggio sono assai meno focalizzate della norma nell'emisfero sinistro, e anzi spesso coinvolgono tutti e due gli emisferi. Questa scarsa "lateralizzazione" è inoltre associata frequentemente a disturbi del linguaggio, al punto da far ipotizzare un rapporto causa-effetto.

Una review pubblicata sulla rivista "Scienze" a firma di Dorothy V. M. Bishop del dipartimento di Psicologia sperimentale dell'Università di Oxford, nel Regno Unito, mette però in dubbio questo rapporto causale, invertendo i fattori: potrebbero essere i problemi del linguaggio a determinare una scarsa lateralizzazione.

Tratto da: "lescienze.it" - Prosegui nella letura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Controtransfert

“L’idea che il controtransfert rappresenti una creazione congiunta dell’analista e dell’analizzando riflette un movimento verso una concezione dell’analisi come...

Belonefobia

La belonefobia è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata degli aghi e gli spilli, conosciuta anche come aicmofobia o aichmofobia. ...

Aprassia

L'aprassia (dal greco "a" prefisso di negazione e "praxía", cioe' fare, quindi incapacità di fare) è un deficit primitivo dell’attività motoria, che compare spe...

News Letters

0
condivisioni