Pubblicità

Linguaggio, il deficit non dipende dall'emisfero cerebrale

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 339 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

"Nella maggior parte delle persone, il linguaggio viene elaborato in modo predominante dall'emisfero sinistro del cervello, ma non è chiaro come e perché questo avvenga. Alcuni studi hanno però indicato che in alcuni individui le aree dedicate al linguaggio sono assai meno focalizzate della norma nell'emisfero sinistro, e anzi spesso coinvolgono tutti e due gli emisferi. Questa scarsa "lateralizzazione" è inoltre associata frequentemente a disturbi del linguaggio, al punto da far ipotizzare un rapporto causa-effetto.

Una review pubblicata sulla rivista "Scienze" a firma di Dorothy V. M. Bishop del dipartimento di Psicologia sperimentale dell'Università di Oxford, nel Regno Unito, mette però in dubbio questo rapporto causale, invertendo i fattori: potrebbero essere i problemi del linguaggio a determinare una scarsa lateralizzazione.

Tratto da: "lescienze.it" - Prosegui nella letura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Complesso di inferiorità (1548…

Maria, 24     Sono una ragazza di 24 anni neolaureata, mi sono trasferita a Milano per un master dove attualmente convivo con il mio fidanzato, a...

Tradimento e sofferenza (15486…

Eva, 39     Dopo 12 anni di matrimonio totalizzante e meraviglioso, ho improvvisamente tradito mio marito, una cosa che non avrei mai e poi mai c...

Rimozione o fantasia (1548536…

ELilai, 25     Cercherò di essere concisa. 13 anni fa hanno avuto esordio i miei problemi di disturbi alimentari (tolto un breve periodo di anore...

Area Professionale

Che cos’è il Test del Villaggi…

Il test del Villaggio è un reattivo psicodiagnostico che può essere somministrato ai bambini, agli adolescenti, agli adulti, alle coppie, alla coppia genitore-b...

Articolo 3 - il Codice Deontol…

Articolo 3 Lo psicologo considera suo dovere accrescere le conoscenze sul comportamento umano ed utilizzarle per promuovere il benessere psicologico dell’indiv...

Articolo 2 - il Codice Deontol…

Proseguiamo il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini, con l'articolo 2 Articolo ...

Le parole della Psicologia

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

Coazione a ripetere

"Ciò che è rimasto capito male ritorna sempre; come un'anima in pena, non ha pace finchè non ottiene soluzione e liberazione", S. Freud Il termine coazione è i...

I ricordi flashbulb

Le flashbulb memories (FBM o ricordi flashbulb) sono state definite per la prima volta da Brown e Kulik nel 1977 come ricordi fotografici vividi, dettagliati e ...

News Letters

0
condivisioni