Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Litigi di coppia, come evitare il demand-withdraw

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 490 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Secondo alcuni studi, una delle dinamiche più diffuse durante i litigi di coppia è il demand-withdraw, ossia la sequenza della richiesta-ritiro in cui un partner si lamenta e l'altro si ritira dal conflitto. Una modalità di gestione del conflitto che può essere distruttiva per la coppia. Ecco i consigli dell'esperto per spezzare questo circolo vizioso.

L'amore non è bello se non è litigarello. Anche se, a ben vedere, non è sempre così. Se in alcuni casi, infatti, i litigi tra innamorati rinnovano l'amore, in altri possono condurre il rapporto verso un vicolo cieco. Specie se si incappa nel demand-withdraw, una dinamica relazionale di richiesta-ritiro in cui uno dei due partner si lamenta e mette sotto pressione l'altro per spronarlo a cambiare, mentre l'altro fa il possibile per evitare la discussione, optando per il silenzio.
Secondo una ricerca condotta dall'Università del Texas, che ha coinvolto più di 14mila persone, se questo processo si protrae nel tempo, può avere un effetto distruttivo sulla coppia trasformandosi in un circolo vizioso difficile da spezzare. I fidanzati o i coniugi che sperimentano questo modello traggono infatti minor soddisfazione dalla vita a due e hanno meno intimità. Con danni che possono essere emotivi e fisici e che spaziano dall'ansia all'aggressività, fino a problemi intestinali e sessuali. "I due partner si ritrovano bloccati in questo modello perché ognuno vede l'altro come il problema e come la causa del conflitto", osserva Paul Schrodt, autore della ricerca e professore di scienze della comunicazione presso l'Università del Texas.



Tratto da d.repubblica.it Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Insicurezza e bassa autostima …

Lau, 26     Buongiorno, fin da quando ero piccola ho sempre avuto una scarsa autostima e questo mi ha portato sicuramente ad essere sempre indeci...

Area Professionale

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Arredare lo studio di uno psic…

Arredare lo studio di uno psicologo è un impegno importante ai fini della futura professione. Una nuova ricerca, infatti, dimostra che le persone giudicano la q...

Le parole della Psicologia

Dejà vu - Dejà vecu

Da due secoli, il fenomeno del "déjà-vu" affascina il mondo della scienza ed è stato oggetto di numerose interpretazioni, dalle più strampalate, che gli attribu...

Pregoressia

È un disturbo alimentare, noto anche come mammoressia, legato all’ossessione di tornare subito in forma dopo il parto Non si tratta di un deficit contemplato n...

Impulsività

L’impulsività è un elemento del carattere di ogni persona, anche se si manifesta in maniera molto più evidente rispetto alle altre, fino a divenire un vero e pr...

News Letters

0
condivisioni