Pubblicità

Lo chiameremo Leone, così sarà coraggioso... E se nascerà femmina?

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 335 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

«Alcuni mesi fa in uno spot del ministero del welfare e delle politiche sociali destinato a promuovere il bonus bebè, si udiva conversare una coppia di futuri genitori, occupati a scegliere il nome del nascituro. All’auspicio di lui

“se nascerà maschio lo chiameremo Leone, perché sarà coraggioso”

rispondeva il desiderio di lei

“se nascerà femmina la chiameremo Serena, così avrà una vita felice”.

Ascoltandolo mi domandai che effetto avrebbe fatto lo spot riformulato come segue:

Se sarà maschio lo chiameremo Felice perché sarà sereno e se nascerà femmina la chiameremo Leonilde, così sarà coraggiosa.

Queste caratteristiche che definiscono in modo inequivocabile il maschile dal femminile sono davvero  modalità che facilitano le relazioni e i processi sociali?

Quanto “pesano” gli stereotipi di genere nell’educazione dei genitori di oggi?»

Con questi interrogativi Elisabetta Camussi, professore associato di Psicologia sociale, domani stimolerà il confronto (alle 10 al Palazzo delle Stelline, Milano) con le mamme e i papà  a Kids-generazione0-10.

«Il genere è il significato che essere uomo o donna assume in un certo contesto e in una determinata epoca», spiega Camussi. «Un insieme di caratteristiche, aspettative o attese che leghiamo a una persona per il solo fatto di appartenere all’uno o all’altro sesso».

Una costruzione che prende forma quando il bambino è ancora nel pancione: non appena vengono a conoscenza del sesso i genitori iniziano a fantasticare su di lui o lei, tanto che

se si tratta di un maschio, le future mamme spesso lo percepiscono come attivo e vorace; se è una femmina, le sensazioni sono di dolcezza e di quiete.

 

Tratto da: "corriere.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Difficoltà nei rapporti sessua…

Emilio, 20     Salve, sono Emilio, ho 20 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Ippocampo

Struttura sottocorticale sistuata all'interno di ciascun emisfero cerebrale, in corrispondenza della superficie mediale, dalla forma simile ad un cavalluccio ma...

Sindrome da Alienazione Parent…

La Sindrome da Alienazione Parentale (PAS) è un disturbo che insorge quasi esclusivamente durante la fase di separazione o divorzio ed aumenta quando si verific...

Malaxofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata dei giochi amorosi. E’ conosciuta anche come sarmasofobia, usata dai greci. ...

News Letters

0
condivisioni