Pubblicità

Lo chiameremo Leone, così sarà coraggioso... E se nascerà femmina?

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 323 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

«Alcuni mesi fa in uno spot del ministero del welfare e delle politiche sociali destinato a promuovere il bonus bebè, si udiva conversare una coppia di futuri genitori, occupati a scegliere il nome del nascituro. All’auspicio di lui

“se nascerà maschio lo chiameremo Leone, perché sarà coraggioso”

rispondeva il desiderio di lei

“se nascerà femmina la chiameremo Serena, così avrà una vita felice”.

Ascoltandolo mi domandai che effetto avrebbe fatto lo spot riformulato come segue:

Se sarà maschio lo chiameremo Felice perché sarà sereno e se nascerà femmina la chiameremo Leonilde, così sarà coraggiosa.

Queste caratteristiche che definiscono in modo inequivocabile il maschile dal femminile sono davvero  modalità che facilitano le relazioni e i processi sociali?

Quanto “pesano” gli stereotipi di genere nell’educazione dei genitori di oggi?»

Con questi interrogativi Elisabetta Camussi, professore associato di Psicologia sociale, domani stimolerà il confronto (alle 10 al Palazzo delle Stelline, Milano) con le mamme e i papà  a Kids-generazione0-10.

«Il genere è il significato che essere uomo o donna assume in un certo contesto e in una determinata epoca», spiega Camussi. «Un insieme di caratteristiche, aspettative o attese che leghiamo a una persona per il solo fatto di appartenere all’uno o all’altro sesso».

Una costruzione che prende forma quando il bambino è ancora nel pancione: non appena vengono a conoscenza del sesso i genitori iniziano a fantasticare su di lui o lei, tanto che

se si tratta di un maschio, le future mamme spesso lo percepiscono come attivo e vorace; se è una femmina, le sensazioni sono di dolcezza e di quiete.

 

Tratto da: "corriere.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto (1539692710493)

JESSICA,40     Vivo un periodo difficile, dove l'ex del mio compagno fa di tutto per farti saltare le rotelle...e ci riesce, mi spia nei social, ...

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Fissazione

Il termine fissazione può avere significati diversi: Rinforzo di una tendenza o reazione, che porta alla nascita di un ricordo o di una abitudine motoria. F...

Negazione

La negazione è un meccanismo di difesa. Fu descritto per la prima volta nel 1895 da Sigmund Freud nei suoi Studi sull’isteria. ...

Illusioni

Il termine illusione (dal latino illusio, derivato di illudere, "deridere, farsi beffe") indica, in genere, quelle percezioni reali, falsate dall'intervento di ...

News Letters

0
condivisioni