Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Lo chiameremo Leone, così sarà coraggioso... E se nascerà femmina?

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 301 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

«Alcuni mesi fa in uno spot del ministero del welfare e delle politiche sociali destinato a promuovere il bonus bebè, si udiva conversare una coppia di futuri genitori, occupati a scegliere il nome del nascituro. All’auspicio di lui

“se nascerà maschio lo chiameremo Leone, perché sarà coraggioso”

rispondeva il desiderio di lei

“se nascerà femmina la chiameremo Serena, così avrà una vita felice”.

Ascoltandolo mi domandai che effetto avrebbe fatto lo spot riformulato come segue:

Se sarà maschio lo chiameremo Felice perché sarà sereno e se nascerà femmina la chiameremo Leonilde, così sarà coraggiosa.

Queste caratteristiche che definiscono in modo inequivocabile il maschile dal femminile sono davvero  modalità che facilitano le relazioni e i processi sociali?

Quanto “pesano” gli stereotipi di genere nell’educazione dei genitori di oggi?»

Con questi interrogativi Elisabetta Camussi, professore associato di Psicologia sociale, domani stimolerà il confronto (alle 10 al Palazzo delle Stelline, Milano) con le mamme e i papà  a Kids-generazione0-10.

«Il genere è il significato che essere uomo o donna assume in un certo contesto e in una determinata epoca», spiega Camussi. «Un insieme di caratteristiche, aspettative o attese che leghiamo a una persona per il solo fatto di appartenere all’uno o all’altro sesso».

Una costruzione che prende forma quando il bambino è ancora nel pancione: non appena vengono a conoscenza del sesso i genitori iniziano a fantasticare su di lui o lei, tanto che

se si tratta di un maschio, le future mamme spesso lo percepiscono come attivo e vorace; se è una femmina, le sensazioni sono di dolcezza e di quiete.

 

Tratto da: "corriere.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Amore Bordeline? (153355779047…

Lory, 52     Ho lasciato il mio compagno da un mese, la nostra relazione avrebbe compiuto due anni a breve. ...

Ragazzo fuori controllo (15335…

Giusy, 19     Buongiorno, sono una ragazza di 19 anni e sono fidanzata da 3 anni con un ragazzo di 22 anni. Nei primi due anni della nostra relaz...

Ritorno di ansia e attacchi di…

Misterok88, 30     Salve! Vi prego di aiutarmi. Ho un problema che pensavo di aver risolto ma da un po' di giorni a questa parte sono di nuovo da...

Area Professionale

Arredare lo studio di uno psic…

Arredare lo studio di uno psicologo è un impegno importante ai fini della futura professione. Una nuova ricerca, infatti, dimostra che le persone giudicano la q...

Il Test del villaggio e l’orga…

Il Test del Villaggio è uno strumento psicodiagnostico che può avere un’ampia rilevanza all’interno del setting clinico tra terapeuta e paziente approfondendone...

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Le parole della Psicologia

Inconscio

Nella sua accezione generica, indica tutte quelle attività della mente inaccessibili alla soglia della consapevolezza Il termine inconscio (dal latino in- cons...

La Sindrome di Stendhal

Patologia  psicosomatica, caratterizzata  da un senso di malessere diffuso provato di fronte alla visione di opere d’arte di straordinaria bellezza. ...

Empatia

Il termine empatia si riferisce alla capacità di una persona di partecipare ai sentimenti di un'altra, nel “mettersi nei panni dell’altro”, entrando in sintonia...

News Letters

0
condivisioni