Pubblicità

Lo stress da bambini e adulti: impatto su ormoni e salute

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 337 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Gli adulti che riferiscono alti livelli di stress e che hanno avuto anche un'infanzia stressante hanno più probabilità di mostrare modelli ormonali associati a esiti negativi sulla salute, secondo i risultati pubblicati su Psychological Science.

Lo stress da bambini e adulti impatto su ormoni e saluteUno dei modi in cui il nostro cervello risponde agli stressanti quotidiani è il rilascio di un ormone chiamato cortisolo. In genere, i nostri livelli di cortisolo raggiungono il picco al mattino e diminuiscono gradualmente nel corso della giornata. Ma a volte questo sistema può diventare disregolato, trasformandosi in un modello di cortisolo più piatto e questo spesso si associa a risultati negativi per la salute.

"La quantità di esposizione di una persona allo stress precoce nella vita gioca un ruolo importante nello sviluppo di modelli malsani di rilascio di cortisolo, ma questo è vero solo se gli individui stanno sperimentando livelli più elevati di stress attuale, e questo indica che la combinazione fra uno stress precoce nel corso della vita e uno stress attuale più elevato porta a profili di cortisolo peggiori e meno salutari", afferma lo psicologo Ethan Young, ricercatore dell'Università del Minnesota.

Per il loro studio, Young e colleghi hanno esaminato i dati di 90 individui che facevano parte di un gruppo ad alto rischio. I ricercatori volevano in particolare capire come gli eventi stressanti nell'infanzia influenzino il sistema di risposta allo stress del cervello nella vita adulta.

È la quantità totale di stress sperimentato nel corso della vita che conta? Oppure l'esposizione allo stress durante periodi di sviluppo sensibili, in particolare nella prima infanzia, ha un impatto maggiore? Young e i suoi colleghi hanno voluto indagare su una terza possibilità: lo stress della prima infanzia rende il nostro sistema di risposta allo stress più sensibile agli stress che emergono più tardi nella vita.

I ricercatori hanno valutato i dati del Life Events Schedule (LES), che esamina gli eventi stressanti della vita delle persone, compresi problemi finanziari, problemi relazionali, pericolo fisico e mortalità. I punteggi valutano il livello di interruzione di ciascun evento su una scala da 0 a 3 per creare un punteggio complessivo per quel periodo di misurazione. Le madri dei partecipanti hanno completato l'intervista quando i partecipanti avevano 12, 18, 30, 42, 48, 54 e 64 mesi; quando frequentavano le classi scolastiche 1, 2, 3 e 6 e quando avevano 16 e 17 anni. Infine i partecipanti hanno completato gli stessi LES quando avevano 23, 26, 28, 32, 34 e 37 anni.

Pubblicità

I ricercatori hanno raggruppato i punteggi LES dei partecipanti in periodi specifici: prima infanzia (1-5 anni), infanzia media (classi 1-6), adolescenza (16 e 17 anni), prima età adulta (23-34 anni) e attuale (37 anni). All'età di 37 anni, i partecipanti hanno anche fornito dati giornalieri sul cortisolo per un periodo di 2 giorni. Hanno raccolto un campione di saliva immediatamente quando si sono svegliati e, ancora, 30 minuti e 1 ora dopo; hanno anche preso dei campioni nel pomeriggio e prima di andare a letto e tutti i campioni di saliva sono poi stati inviati in laboratorio.

I ricercatori hanno concluso che né lo stress vitale totale né lo stress infantile hanno predetto modelli a livello di cortisolo all'età di 37 anni.

Piuttosto, i pattern di cortisolo dipendevano sia dallo stress infantile che dallo stress all'età di 37 anni. I partecipanti che hanno sperimentato livelli relativamente bassi di stress nella prima infanzia hanno mostrato modelli di cortisolo indipendenti dal loro livello di stress nell'età adulta. D'altro canto, i partecipanti che erano stati esposti a livelli relativamente alti di stress nella prima infanzia hanno mostrato modelli di cortisolo giornalieri più piatti, ma solo se contemporaneamente mostravano elevati livelli di stress nell'età adulta.

I ricercatori hanno anche cercato di comprendere se lo stress presente nella pre-adolescenza, nell'adolescenza e nella prima età adulta fossero associati a schemi di cortisolo adulto ma non hanno trovato relazioni significative. Questi risultati suggeriscono che la prima infanzia può essere un momento particolarmente delicato in cui eventi di vita stressanti - come quelli relativi al trauma o alla povertà - possono calibrare il sistema di risposta allo stress del cervello, con conseguenze sulla salute che durano fino all'età adulta.

 

Traduzione e adattamento a cura della Dr. Arianna Patriarca

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: stress Disturbo Post Traumatico da Stress eventi di vita stressanti ormoni dello stress

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Convinzione occhi storti (1568…

mirko, 31 Dottori perdonate il disturbo. Sono un ragazzo di 31 anni e sono quasi 5 anni che vorrei capire una cosa che mi sta facendo diventare letteralmen...

Non riesco più a vivere (15667…

Francesca007, 25 Tutto inizia dai miei 17 anni, quando capisco di non essere abbastanza per i miei genitori. Mio papà mi teneva chiusa in casa come se foss...

Superare un tradimento (156741…

Lucrezia, 42 Salve, sto con il mio compagno da 12 anni, conviviamo. All'inizio del 2019 abbiamo cominciato ad avere qualche incomprensione a causa del suo ...

Area Professionale

Articolo 34 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.34 (sviluppo scientifico della professione), prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che se...

I vantaggi di sfruttare i Bann…

Proseguiamo con l'illustrazione degli strumenti che ci consentono di migliorare la nostra Brand Awareness professionale e di acquisire nuova visibilità e nuova ...

Articolo 33 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.33 (lealtà e colleganza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo setti...

Le parole della Psicologia

Dipendenza sessuale

“Brandon ha paura di questa intimità, fa sesso casuale o con prostitute, ma se deve davvero fare l’amore per lui è impossibile, perché lasciar entrare qualcuno ...

Coazione a ripetere

"Ciò che è rimasto capito male ritorna sempre; come un'anima in pena, non ha pace finchè non ottiene soluzione e liberazione", S. Freud Il termine coazione è i...

Autotopoagnosia

L'autotopoagnosia è un disturbo di rappresentazione corporea, clinicamente raro, in cui è presente l'incapacità di indicare le parti del corpo. Nella maggior p...

News Letters

0
condivisioni