Pubblicità

Lo stress durante la gravidanza può influire sul sesso del bambino, rischio di parto pretermine

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 3814 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Si sta affermando che lo stress materno durante la gravidanza può influenzare lo sviluppo del feto e del bambino, nonché i risultati della nascita, e un nuovo studio condotto dai ricercatori della Columbia University Vagelos College of Physicians and Surgeons e NewYork-Presbyterian, ora identifica i tipi di stress fisico e psicologico che influiscono di più.

stress gravidanza bambino

Lo studio è stato pubblicato online sulla rivista PNAS, the Proceedings of National Academy of Sciences. "L'utero è una prima e influente casa, importante quanto quella in cui cresce un bambino, se non di più", afferma il leader dello studio Catherine Monk, PhD, professoressa di psicologia medica presso il Vagelos College of Physicians and Surgeons della Columbia University e direttrice del Women's Mental Health nel Department of Obstetrics & Gynecology al NewYork-Presbyterian/Columbia University Irving Medical Center.


Poiché lo stress può manifestarsi in vari modi, sia come esperienza soggettiva sia nelle misurazioni fisiche e dello stile di vita, Monk e i suoi colleghi hanno esaminato 27 indicatori dello stress psicosociale, fisico e dello stile di vita raccolti da questionari, diari e valutazioni fisiche quotidiane di 187 donne donne incinte diversamente sane, età 18-45.

Circa il 17% (32) delle donne era psicologicamente stressato, con alti livelli clinicamente significativi di depressione, ansia e stress percepito. Un altro 16% (30) era fisicamente stressato, con una pressione sanguigna giornaliera relativamente più alta e un maggiore apporto calorico rispetto ad altre donne in gravidanza in buona salute. La maggioranza (quasi il 67%, o 125) era in buona salute.

Meno neonati con stress mentale?


Lo studio ha suggerito che le donne in gravidanza che soffrono di stress fisico e psicologico hanno meno probabilità di avere un figlio maschio. In media, nascono circa 105 maschi ogni 100 nascite femminili. Ma in questo studio, il rapporto sessuale nei gruppi stressati fisicamente e psicologicamente ha favorito le ragazze, con rapporti maschio-femmina rispettivamente di 4:9 e 2:3.

"Altri ricercatori hanno visto questo schema dopo sconvolgimenti sociali, come gli attacchi terroristici dell'11 settembre a New York City, dopo il quale il numero relativo di nascite di maschi è diminuito", afferma Monk. "Questo stress nelle donne è probabilmente di natura di vecchia data; studi hanno dimostrato che i maschi sono più vulnerabili agli ambienti prenatali avversi, suggerendo che le donne altamente stressate potrebbero avere meno probabilità di dare alla luce un maschio a causa della perdita di precedenti gravidanze maschili, spesso senza nemmeno sapere di essere incinta".

Pubblicità



Altri impatti dello stress

  •  Le madri fisicamente stressate, con ipertensione e assunzione calorica, avevano maggiori probabilità di partorire prematuramente rispetto alle madri non stressate.
  •  Tra le madri fisicamente stressate, i feti avevano ridotto l'accoppiamento della frequenza cardiaca, un indicatore del lento sviluppo del sistema nervoso centrale, rispetto alle madri senza stress.
  •  Le madri psicologicamente stressate hanno avuto più complicazioni alla nascita rispetto alle madri fisicamente stressate.

 

Questioni di supporto sociale


I ricercatori hanno anche scoperto che ciò che ha maggiormente differenziato i tre gruppi era la quantità di sostegno sociale che una madre ha ricevuto da amici e familiari. Ad esempio, maggiore è il sostegno sociale che una madre ha ricevuto, maggiore è la probabilità che lei abbia un figlio maschio.

Quando il supporto sociale è stato statisticamente equalizzato tra i gruppi, gli effetti dello stress sulla nascita pretermine sono scomparsi. "Lo screening per la depressione e l'ansia stanno gradualmente diventando una parte ordinaria della pratica prenatale", afferma Monk. "Ma mentre il nostro studio era piccolo, i risultati suggeriscono che il miglioramento del supporto sociale è potenzialmente un obiettivo efficace per l'intervento clinico".

Secondo una stima, il 30% delle donne in gravidanza riferisce stress psicosociale dovuto a stress da lavoro o correlato a depressione e ansia. Tale stress è stato associato ad un aumentato rischio di parto prematuro, che è legato a tassi più elevati di mortalità infantile e di disturbi fisici e mentali, come il disturbo da deficit di attenzione e iperattività e l'ansia, tra la prole.

Nello studio non è stato esaminato come lo stato mentale di una madre possa influenzare in modo specifico un feto. "Sappiamo da studi sugli animali che l'esposizione a livelli elevati di stress può aumentare i livelli di ormoni dello stress come il cortisolo nell'utero, che a sua volta può influenzare il feto", afferma Monk. "Lo stress può anche influenzare il sistema immunitario della madre, portando a cambiamenti che influenzano lo sviluppo neurologico e comportamentale nel feto. Ciò che emerge dal nostro studio è che la salute mentale materna è importante, non solo per la madre ma anche per il suo futuro bambino."



Fonte:

  • Kate Walsh, Clare A. McCormack, Rachel Webster, Anita Pinto, Seonjoo Lee, Tianshu Feng, H. Sloan Krakovsky, Sinclaire M. O’Grady, Benjamin Tycko, Frances A. Champagne, Elizabeth A. Werner, Grace Liu, Catherine Monk. Maternal prenatal stress phenotypes associate with fetal neurodevelopment and birth outcomes. Proceedings of the National Academy of Sciences, 2019; 201905890 DOI: 10.1073/pnas.1905890116



Articolo a cura del Dottor Andrea di Maio




Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: stress gravidanza news di psicologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Dejà vu - Dejà vecu

Da due secoli, il fenomeno del "déjà-vu" affascina il mondo della scienza ed è stato oggetto di numerose interpretazioni, dalle più strampalate, che gli attribu...

Il metadone

Il metadone è un oppioide sintetico, usato in medicina come analgesico nelle cure palliative e utilizzato per ridurre l'assuefazione nella terapia sostitutiva d...

I gruppi Balint

I gruppi Balint iniziarono verso la fine degli anni ’40 quando fu chiesto a Michael e a Enid Balint di fornire ai medici generici una formazione psichiatrica pe...

News Letters

0
condivisioni