Pubblicità

L’oggetto c’è anche quando non si vede

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 389 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Nel cervello dei neonati ci potrebbe essere la possibilità di disporre di aree con funzioni di “puntatori”, ossia meccanismi in grado di immagazzinare in qualche modo la presenza di un oggetto o di una persona. Questo consentirebbe al neonato di mantenere l’esistenza di ciò che ha visto anche quando l’oggetto o la persona si allontanano dal suo campo visivo. La “permanenza dell’oggetto” è una capacità che si acquisisce in modo completo e preciso..

 

 

 

..intorno agli 8 mesi di vita. Fino a questo periodo il bambino sembra disinteressarsi di un oggetto non appena venga eliminato dalla sua vista; tale comportamento è stato per anni interpretato come una incapacità del neonato di età inferiore ai7/8 mesi di far “permanere” l’oggetto o la persona dentro di sé anche quando questi non si trovino più alla portata dei suoi occhi. Di fatto questa sembra più un’interpretazione di un comportamento che potrebbe ...

 

 

Tratto da: "italiasalute.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Folie à deux

La folie à deux è un disturbo psicotico condiviso, ossia una “follia simultanea in due persone”.  Essa è una psicosi reattiva che insorge in modo simultane...

Memoria

La memoria è quel meccanismo neuropsicologico che permette di fissare, conservare e rievocare esperienze e informazioni acquisite dall’ambiente (interno ed este...

ALESSITIMIA (O ALEXITEMIA)

Il termine alessitimia deriva dal greco e significa mancanza di parole per le emozioni  (a = mancanza, léxis = parola, thymόs = emozione ).  Esso vi...

News Letters

0
condivisioni