Pubblicità

L'OMS identifica i killer dei bambini

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 323 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

La guerra contro la mortalità infantile si può vincere soltanto se si ha alle spalle un’accurata informazione sulle cause che la provocano. L’Organizzazione Mondiale della Sanità, da sempre in prima linea nella lotta per la sopravvivenza dei bambini di tutto il mondo, ha reso noti i risultati di uno studio di 4 anni sulle cause della mortalità infantile, lo studio CHERG (Child Health Epidemiology Reference Group), partito nel 2001 per stimare le percentuali di morte nei bambini sotto i 5 anni. Ne dà conto la rivista Lancet.

Le nuove stime mostrano che nel mondo il 73 per cento delle morti nei bambini di età inferiore ai 5 anni (circa 10 milioni ogni anno) è attribuibile a 6 cause: polmonite (19 per cento), diarrea (18 per cento), malaria (8 per cento), sepsi neonatale (10 per cento), parto prematuro (10 per cento), asfissia alla nascita (8 per cento). La malnutrizione resta comunque la causa ‘sotterranea’ all’origine del 50 per cento delle morti infantili nel mondo. Morbillo, tetano e AIDS rappresentano una porzione più piccola del problema, ma non devono assolutamente essere sottovalutate.

 

Tratto da Yahoo! Salute - prosegui nella lettura dell'articolo



0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Soffro di depressione (1546116…

jessica, 22     Ciao mi chiamo Jessica e ho 22 anni, è la prima volta che mi rivolgo a qualcuno. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Disturbo Istrionico di Persona…

Disturbo di personalità caratterizzato da intensa emotività e costanti tentativi di ottenere attenzione, approvazione e sostegno altrui, attraverso comportament...

Oblio

L'oblio è un processo naturale di perdita dei ricordi per attenuazione, modificazione o cancellazione delle tracce mnemoniche, causato dal passare del tempo tra...

Aggressività

In psicologia indica uno stato di tensione emotiva generalmente espresso in comportamenti lesivi e di attacco. Nel corso degli anni l’aggressività...

News Letters

0
condivisioni