Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

L'OMS identifica i killer dei bambini

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 293 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

La guerra contro la mortalità infantile si può vincere soltanto se si ha alle spalle un’accurata informazione sulle cause che la provocano. L’Organizzazione Mondiale della Sanità, da sempre in prima linea nella lotta per la sopravvivenza dei bambini di tutto il mondo, ha reso noti i risultati di uno studio di 4 anni sulle cause della mortalità infantile, lo studio CHERG (Child Health Epidemiology Reference Group), partito nel 2001 per stimare le percentuali di morte nei bambini sotto i 5 anni. Ne dà conto la rivista Lancet.

Le nuove stime mostrano che nel mondo il 73 per cento delle morti nei bambini di età inferiore ai 5 anni (circa 10 milioni ogni anno) è attribuibile a 6 cause: polmonite (19 per cento), diarrea (18 per cento), malaria (8 per cento), sepsi neonatale (10 per cento), parto prematuro (10 per cento), asfissia alla nascita (8 per cento). La malnutrizione resta comunque la causa ‘sotterranea’ all’origine del 50 per cento delle morti infantili nel mondo. Morbillo, tetano e AIDS rappresentano una porzione più piccola del problema, ma non devono assolutamente essere sottovalutate.

 

Tratto da Yahoo! Salute - prosegui nella lettura dell'articolo



0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Afasia

L’afasia è un disturbo della formulazione e della comprensione di messaggi linguistici, che consegue a lesioni focali cerebrali, in persone che avevano in pre...

Eiaculazione precoce

Può essere definita come la difficoltà o incapacità da parte dell'uomo nell'esercitare il controllo volontario sull'eiaculazione. L’eiaculazione precoce consis...

Riserva cognitiva

Alla fine degli anni Ottanta viene riconosciuta e definita la capacità individuale di resistere al deterioramento cognitivo fisiologico o patologico. Possono e...

News Letters

0
condivisioni