Pubblicità

L'origine dell'abuso di alcool

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 574 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Ricercatori dell'Oregon Health & Science University (OHSU) hanno scoperto una nuova regione del cervello coinvolta nel consumo cronico di alcool. La ricerca potrebbe essere usata per sviluppare nuovi farmaci e terapie contro l'alcolismo o per migliorare quelli già esistenti. Lo studio, pubblicato sul numero del 25 marzo della rivista "Journal of Neuroscience", è incentrato su un peptide chiamato urocortina. Il peptide è connesso al desiderio di alcool. Gli scienziati dell'OHSU, con la collaborazione di ricercatori dell'Università dell'Indiana, hanno rintracciato l'urocortina fino a un gruppo di cellule nel cervello, detto nucleo di Edinger-Westphal (EW).

"Si tratta della prima ricerca - ha spiegato Andrey Ryabinin, principale autore dello studio - che collega questa regione del cervello all'abuso di alcool, e anche la prima volta che i livelli di urocortina vengono associati al consumo di alcool".

Ryabinin e colleghi hanno esaminato topi "alcolizzati" e topi normali, cui veniva fatto bere alcool insieme a una soluzione di zucchero. I ricercatori hanno scoperto che i livelli di urocortina nel cervello corrispondevano al desiderio di ciascun animale di bere alcool. Hanno poi tracciato le comunicazioni fra le cellule contenenti urocortina e una particolare regione del cervello, coinvolta nella regolazione del consumo di alcool e in meccanismi di ricompensa cerebrale.

https://www.jneurosci.org

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

E' esplosa la psicologia onlin…

In piena crisi mondiale da Coronavirus è improvvisamente esplosa la psicologia online. Su consiglio del CNOP e obbligati dalle circostanze, molti psicologi e ps...

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Quello che emerge nell’emergen…

L'emergenza per il Covid-19 ha portato la comunità degli psicologi ad applicare nuove e più attuali forme di sostegno psicologico. Una riflessione sulle implica...

Le parole della Psicologia

Prosopoagnosia

La prosopoagnosia (o prosopagnosia) è un deficit percettivo del sistema nervoso centrale che impedisce il riconoscimento dei volti delle persone (anche dei fami...

Imprinting

L'imprinting è una forma di apprendimento precoce secondo la quale i neonati, nel periodo immediatamente successivo alla nascita, vengono condizionati dal primo...

Ecoprassia

È l’imitazione dei movimenti di altri, per esempio, di azioni (ecocinesi) e gesti (ecomimia). L'ecoprassia consiste nell' imitazione spontanea dei movimenti ...

News Letters

0
condivisioni