Pubblicità

L'ottimismo allunga la vita

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 635 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Gli adulti che si avviano verso la vecchiaia e che guardano al futuro con ottimismo vivono più a lungo di coloro che hanno una visione pessimista nei successivi nove anni. A stabilirlo sono stati dei ricercatori olandesi che hanno osservato come gli uomini e le donne più ottimisti avevano tassi più bassi di morte per malattie cardiovascolari. In particolare, il rischio di attacco di cuore, ictus ed altri eventi cardiovascolari è del 77 per cento meno probabile rispetto al gruppo dei pessimisti, senza far caso a dati quali età, peso, vizio del fumo e presenza di malattie cardiovascolari o altre malattie croniche.

La ricerca è stata guidata da Erik J. Giltay del centro psichiatrico GGZ Delfland di Delft, ed è stata segnalata da Archives of General Psychiatry.

Molti studi avevano già legato fra loro emozioni negative, quali la depressione al rischio di morte per malattie cardiovascolari o ad altre circostanze.

I ricercatori hanno seguito 941 adulti olandesi d'età compresa tra i 65 e gli 85 anni. All'inizio, i partecipanti sono stati sottoposti ad un test standard sul benessere generale che ha incluso una scala che misurava la loro tendenza ad essere ottimisti o pessimisti. La scala ha incluso dichiarazioni come: "penso spesso che la vita sia piena di opportunità" oppure "ancora ho molti obiettivi da ottenere."

tratto da Yahoo.it - continua a leggere l'articolo

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Gelosia retroattiva

La gelosia retroattiva prende anche il nome di sindrome di Rebecca, nome ispirato dal film di Alfred Hitchcock, ovvero Rebecca la prima moglie, tratto dal roman...

Psicosomatica

La psicosomatica è una branca della psicologia che ha  lo scopo di identificare  la connessione tra un disturbo somatico e la sua natura psicologica. ...

Workaholism

Il workaholism, o dipendenza dal lavoro, può essere definito come “una spinta interna irresistibile a lavorare in maniera eccessivamente intensa”. Esso è consid...

News Letters

0
condivisioni