Pubblicità

L'umorismo maschile dipende dal testosterone

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 774 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

L'umorismo dei maschi è più aggressivo e tagliente; quello delle donne più sagace e divertente: tutta colpa del testosterone. Lo ha dimostrato Sam Schuster, della University of Newcastle, con una particolarissima ricerca che è stata pubblicata sull'ultimo numero della rivista British Medical Journal, nella classica edizione natalizia in cui si dà più spazio a ricerche curiose o a vere e proprie bufale. Schuster, da un po' di tempo, ha un hobby particolare: ha imparato ad andare in monociclo e per muoversi non usa altro mezzo.

Da quando si muove in città con questo mezzo, soprattutto al mattino per raggiungere l'ufficio, ha imparato a osservare la reazione degli automobilisti che incrocia lungo il percorso. Le donne, di solito, sorridono e sono molto cordiali con questo individuo che probabilmente percepiscono come eccentrico ma divertente. Gli uomini, invece, sono molto più aggressivi e, quando non lanciano improperi, si esprimono nei suoi confronti con battute caustiche. I giovani automobilisti sono quelli più aggressivi, mentre i più adulti si mostrano più tolleranti e rilassati.

Tratto da "Yahoo.it" - prosegui nella lettura dell'articolo

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Il mio fidanzato mi umilia [1…

Ragazza991, 19 anni         Buonasera,   sono fidanzata da due anni, e ormai è da un anno o poco più che ogni volta che gl...

Aiuto [1610926691822]

Brigida, 38 anni     Buonasera, sono una mamma disperata. Vi scrivo per un consulto in merito a mia figlia Giulia di 9 anni. Da un annetto circ...

Due mondi diversi [16092338958…

  Morfea23, 21 anni     Da circa 4 mesi sto con un ragazzo totalmente  opposto al mondo in cui da sempre vivo, per situazione famili...

Area Professionale

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Le parole della Psicologia

Inconscio

Nella sua accezione generica, indica tutte quelle attività della mente inaccessibili alla soglia della consapevolezza Il termine inconscio (dal latino in- cons...

Balbuzie

La balbuzie interessa circa l’1% della popolazione mondiale (tasso di prevalenza), ma circa il 5% può dire di averne sofferto in qualche misura nel...

Mild Cognitive Impairment (MCI…

È uno stato di confine o di transizione tra l’invecchiamento normale e la demenza, noto come “lieve compromissione cognitiva”. Il declino cognitivo lieve consi...

News Letters

0
condivisioni