Pubblicità

Making Kids Work on Goals (And Not Just In Soccer)

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 392 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Thirteen-year-old Jackson Sikes has been struggling for years to raise his test scores in math. When he got a 33% last year on fractions, Jackson says, "I didn't know how I was ever going to learn them." Battling his homework just made him frustrated, says his mother Linda, of Gilmer, Texas.

Jackson's teachers proposed a solution: They taught him to trim his goal into smaller steps and try improving his scores just a little from test to test. Gradually, he raised his results to 90%. "I'd take those little steps, then I'd just keep on stepping," Jackson says.

A student's ability to set and achieve realistic goals is linked to higher grades, lower college-dropout rates and greater well-being in adulthood. In a recent study in the Journal of Applied Psychology, college students who completed an intensive written exercise identifying their goals and mapping out steps to reach them posted a significant increase in grades and credits earned, compared with other students.

Yet a majority of U.S. students lack faith in their ability to reach their goals, according to a nationally representative survey of 642 students last year by Gallup Inc. Although children begin to form their ideas about what they can and can't achieve by age 7 or 8, only 42% of students ages 10 to 18 say they are energetically pursuing their goals, Gallup found. And only 35% strongly believe they can find ways around obstacles to their goals.

The Gallup surveys are the first broad look at goal-setting at this age; students may struggle with this skill partly because schools tend to focus more on raising test scores or lowering dropout rates. However, as more states mandate career planning for all students, goal-setting is drawing increasing attention.

tratto da The Wall Street Journal - prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Abreazione

Il termine fu coniato da Freud e Breuer nel 1895 per designare il meccanismo inconscio, secondo il quale un individuo si libera dall’affetto connesso ad un even...

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

Bad trip

Con l'aggiunta dell'aggettivo bad (bad trip), si indicano in specifico le esperienze psico-fisiche definibili come negative o spiacevoli per il soggetto. In it...

News Letters

0
condivisioni