Pubblicità

Malati e social network, come non esporsi troppo

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 359 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

MILANO - Si scambiano su Twitter consigli per terapie e centri di cura, pubblicano sul blog la loro storia, condividono su Facebook informazioni confidenziali pensando di parlare "tra malati". Così, dati sensibili viaggiano in rete liberamente. E loro, i pazienti, potrebbero ritrovarsi "schedati" senza saperlo.
A mettere in guardia è il Garante della privacy.

 

«Un conto è parlare dei propri disturbi con altri malati nella sala d'attesa del medico di famiglia o di uno specialista, - afferma il professor Francesco Pizzetti, presidente dell'Autorità per la protezione dei dati personali, che nei giorni scorsi ha presentato la relazione sull'attività svolta nel 2010 (vedi tabella) - un altro è discuterne in una "piazza" virtuale, che è mondiale». A farlo è soprattutto chi soffre di malattie rare e va alla ricerca di nuove terapie o del Centro di eccellenza, anche oltre confine. «Questi malati pensano di parlare tra persone connesse in quel determinato spazio virtuale - sottolinea Pizzetti -. Ma nomi e mail di riferimento rimangono in rete, diventando ampiamente accessibili».

 

Tratto da: "corriere.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Podofobia

Una tra le paure meno conosciute sembra essere la podofobia ovvero la paura dei piedi. Il termine fobia (che in greco significa “paura” e “panico”)&n...

Folie à deux

La folie à deux è un disturbo psicotico condiviso, ossia una “follia simultanea in due persone”.  Essa è una psicosi reattiva che insorge in modo simultane...

Frigidità

Con il termine frigidità si fa riferimento ad una bassa libido, o assenza di desiderio sessuale nelle donne, caratterizzata da una carenza o incapacità permanen...

News Letters

0
condivisioni