Pubblicità

Malattie neurodegenerative: danni simili alle cellule cerebrali

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1168 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Le malattie neurodegenerative, come l'Alzheimer, il Parkinson e la malattia di Huntington, sono associate a proteine piegate in modo anomalo, che formano delle placche (agglomerati) all'interno delle cellule cerebrali.

malattie neurodegenerative: alzheimer, parkinsonQueste placche si diffondono da cellule a cellule, portando a necrosi cellulare. Tutte e tre queste malattie sono progressive, debilitanti e incurabili.

Un recente studio presso l’Università Loyola di Chicago ha dimostrato che, sebbene le proteine implicate in ciascuna malattia siano diverse (la proteina tau nell’Alzheimer, l’alfa-sinucleina nel Parkinson e l’huntingtina nella malattia di Huntington), tutte sembrano causare danni alle cellule cerebrali in modo similare.

I risultati di questa ricerca, pubblicati nella rivista Acta Neuropathologica, mostrano i processi attraverso i quali queste malattie possono propagarsi e interferire con le normali funzioni del cervello e supportano, inoltre, la teoria che un determinato tipo di trattamento potrebbe essere efficace per tutte e tre le malattie neurodegenerative.

Secondo Edward Campbell, uno degli autori dello studio, una possibile terapia potrebbe consistere nell’aumentare la capacità delle cellule del cervello di degradare le proteine o le vescicole danneggiate.

I ricercatori, focalizzandosi sul modo in le placche proteiche invadono le cellule sane del cervello, hanno potuto osservare come questi placche di proteine, una volta entrate all’interno delle cellule, entrano anche all’interno delle vescicole, danneggiando o rompendo le membrane che le rivestono. A causa della degradazione e della rottura di queste membrane, le proteine invadono il citoplasma (ossia quella parte della cellula che si trova fuori dal nucleo), causando ulteriori disfunzioni cerebrali.

Pubblicità

La ricerca ha, altresì, mostrato come le cellule rispondono allorquando le placche di proteine invadono le vescicole: le cellule reagiscono riunendo insieme le vescicole e le proteine danneggiate in modo tale da poterle distruggere, anche se la degradazione delle proteine non è affatto un processo semplice.

I risultati di questo studio sono stati tanto inaspettati quanto interessanti: i ricercatori non si aspettavano di scoprire che i blocchi proteici associati alle tre malattie causassero lo stesso tipo di danno alla vescicola, in quanto ogni malattia colpisce determinate e differenti regioni del cervello (l’Alzheimer distrugge le aree correlate alla memoria, mentre il Parkinson e la malattia di Huntington danneggiano i circuiti cerebrali associati al movimento). 

Gli autori dello studio, alla luce di questa scoperta, ritengono che siano necessarie ulteriori ricerche e approfondimenti per conoscere meglio i processi implicati in questo tipo di malattie neurodegenerative e per poter trovare, in futuro, una terapia che sia efficace per tutte e tre.

 

Tratto da: PsichCentral

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Claudia Olivieri)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

Tags: Alzheimer, placche cerebrali parkinson malattie cellule cerebrali proteine

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Abreazione

Il termine fu coniato da Freud e Breuer nel 1895 per designare il meccanismo inconscio, secondo il quale un individuo si libera dall’affetto connesso ad un even...

Burnout

Il burnout è generalmente definito come una sindrome di esaurimento emotivo, di depersonalizzazione e derealizzazione personale, che può manifestarsi in tutte q...

Temperamento

La psicologia definisce temperamento “L’insieme di disposizioni comportamentali presenti sin dalla nascita le cui caratteristiche definiscono le differenze indi...

News Letters

0
condivisioni