Pubblicità

Malattie neurodegenerative: danni simili alle cellule cerebrali

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1792 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Le malattie neurodegenerative, come l'Alzheimer, il Parkinson e la malattia di Huntington, sono associate a proteine piegate in modo anomalo, che formano delle placche (agglomerati) all'interno delle cellule cerebrali.

malattie neurodegenerative: alzheimer, parkinsonQueste placche si diffondono da cellule a cellule, portando a necrosi cellulare. Tutte e tre queste malattie sono progressive, debilitanti e incurabili.

Un recente studio presso l’Università Loyola di Chicago ha dimostrato che, sebbene le proteine implicate in ciascuna malattia siano diverse (la proteina tau nell’Alzheimer, l’alfa-sinucleina nel Parkinson e l’huntingtina nella malattia di Huntington), tutte sembrano causare danni alle cellule cerebrali in modo similare.

I risultati di questa ricerca, pubblicati nella rivista Acta Neuropathologica, mostrano i processi attraverso i quali queste malattie possono propagarsi e interferire con le normali funzioni del cervello e supportano, inoltre, la teoria che un determinato tipo di trattamento potrebbe essere efficace per tutte e tre le malattie neurodegenerative.

Secondo Edward Campbell, uno degli autori dello studio, una possibile terapia potrebbe consistere nell’aumentare la capacità delle cellule del cervello di degradare le proteine o le vescicole danneggiate.

I ricercatori, focalizzandosi sul modo in le placche proteiche invadono le cellule sane del cervello, hanno potuto osservare come questi placche di proteine, una volta entrate all’interno delle cellule, entrano anche all’interno delle vescicole, danneggiando o rompendo le membrane che le rivestono. A causa della degradazione e della rottura di queste membrane, le proteine invadono il citoplasma (ossia quella parte della cellula che si trova fuori dal nucleo), causando ulteriori disfunzioni cerebrali.

Pubblicità

La ricerca ha, altresì, mostrato come le cellule rispondono allorquando le placche di proteine invadono le vescicole: le cellule reagiscono riunendo insieme le vescicole e le proteine danneggiate in modo tale da poterle distruggere, anche se la degradazione delle proteine non è affatto un processo semplice.

I risultati di questo studio sono stati tanto inaspettati quanto interessanti: i ricercatori non si aspettavano di scoprire che i blocchi proteici associati alle tre malattie causassero lo stesso tipo di danno alla vescicola, in quanto ogni malattia colpisce determinate e differenti regioni del cervello (l’Alzheimer distrugge le aree correlate alla memoria, mentre il Parkinson e la malattia di Huntington danneggiano i circuiti cerebrali associati al movimento). 

Gli autori dello studio, alla luce di questa scoperta, ritengono che siano necessarie ulteriori ricerche e approfondimenti per conoscere meglio i processi implicati in questo tipo di malattie neurodegenerative e per poter trovare, in futuro, una terapia che sia efficace per tutte e tre.

 

Tratto da: PsichCentral

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Claudia Olivieri)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: Alzheimer, placche cerebrali parkinson malattie cellule cerebrali proteine

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come imparare ad andare [1599…

mar, 29 anni Ho avuto una relazione di 5 anni finita per motivi banali, incomprensioni, caratteri opposti e contrastanti. La storia é finita quasi tre anni...

MARITO DEPRESSO DA 3 MESI [159…

blu, 43 anni Buongiorno, non riesco a capire come poter aiutare mio marito che oramai sono 3 mesi che è depresso soprattutto la mattina appena sveglio e l...

Consulenza [1599577765688]

Bice84, 36 anni Salve, volevo chiederle un'informazione riguardo alcuni comportamenti di mio marito. ...

Area Professionale

Disfunzioni sessuali dopo la s…

L'11 giugno 2019 l'European Medicines Agency (EMA) ha formalmente dichiarato di riconoscere la disfunzione sessuale post-SSRI (Post-SSRI Sexual Dysfunction, PSS...

Considerazioni teoriche sulla …

In letteratura sono presenti diverse teorie sulle cause sottostanti l'abuso e la violenza domestica. Queste includono teorie psicologiche che considerano i trat...

La relazione gene-ambiente nel…

Fra gli scienziati è in corso un importante dibattito sui nuovi modelli che esaminano il ruolo combinato dei geni e dell'ambiente nell'evoluzione della schizofr...

Le parole della Psicologia

Lo stereotipo

Il termine stereotipo deriva dalle parole greche "stereos" (duro, solido) e "typos" (impronta, immagine, gruppo), quindi "immagine rigida". Si tratta di...

Trinatopia

In oculistica, è una rara forma di cecità per il blu e il violetto. E' uno dei quattro tipi di daltonismo più diffusi: Acromatopsia: deficit di visione di t...

Ipercinesia

Nel disturbo ipercinetico si ha la contemporanea presenza di sintomi quali: la breve durata dell’attenzione, distrazione, iperattività e almeno un sintomo di im...

News Letters

0
condivisioni