Pubblicità

Maltrattamento infantile ed emicrania in età adulta

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1051 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Il rischio di sviluppare l’emicrania è connesso ad una maggiore esposizione all’esperienza traumatica che provocherebbe dei cambiamenti biologici, sconvolgendo la regolamentazione dell’asse ipotalamo-ipofisi-surrene (HPA) che è fondamentale per una corretta risposta ormonale allo stress.

maltrattamento ed emicraniaL’abuso sui minori e la negligenza emotiva sono, purtroppo, più comuni di quanto si possa pensare.

Secondo una studio del 2011 pubblicato sulla rivista JAMA Pediatrics, più di cinque milioni di bambini statunitensi hanno presentato una storia di maltrattamento tra il 2004 e il 2011.

L’esposizione e gli effetti del maltrattamento possono prolungarsi oltre l’infanzia e determinare l’insorgenza di una condizione patologica di salute come l’emicrania cronica.

Il Centers for Disease Control and Prevention definisce il maltrattamento infantile come:

“qualunque atto o una serie di atti di commissione o omissione da parte di un genitore o un altro familiare/assistente che si traducono in un danno, o danno potenziale o minaccia nei confronti del bambino”.

In particolare l’abuso emotivo o psicologico non sono spesso dichiarati; questi possono infatti verificarsi all’interno di una famiglia nel corso degli anni senza che vengano riconosciuti o rilevati.

All’interno del presente studio i ricercatori hanno indagato il legame tra l’emicrania e il maltrattamento infantile, rilevando che tale patologia mostra una relazione più forte con l’abuso emotivo.

Sono stati effettuati due studi ricorrendo a campioni rappresentatitvi a livello nazionale di soggetti con età compresa tra i 50 e i 56 anni che presentavano sia una storia di abuso emotivo e sia una più alta percentuale di visite al pronto soccorso per la presenza di un forte mal di testa.

La suddetta relazione è stata anche esaminata nei giovani adulti, riscontrando che coloro che presentavano un abuso emotivo durante l’infanzia e l’adolescenza avevano il 50% di probabilità di ricevere una diagnosi di emicrania; in aggiunta a questo i ricercatori hanno anche trovato che se una persona ha sperimentato diverse tipologie di abuso (emotivo, fisico e sessuale) il rischio di ricevere tale diagnosi è raddoppiato.

Gli autori sottolineano che il rischio di sviluppare l’emicrania è connesso ad una maggiore esposizione all’esperienza traumatica che provocherebbe dei cambiamenti biologici, sconvolgendo la regolamentazione dell’asse ipotalamo-ipofisi-surrene (HPA) che è fondamentale per una corretta risposta ormonale allo stress.

Un eccessivo rilascio di ormoni dello stress possono così alterare sia la struttura che la funzione del sistema limbico del cervello, che è non solo la sede delle emozioni, ma anche dei comportamenti, motivazione e memoria.

Attraverso la risonanza magnetica sono state rilevate alterazioni strutturali e di connettività neurale all’interno del sistema limbico, sia in soggetti con una storia di maltrattamento infantile che in persone che presentano una diagnosi di emicrania.

Le esperienze stressanti determinano altresì un collasso del sistema immunitario, sistema nervoso autonomo e delle funzioni metaboliche.

L’emicrania è considerata una condizione ereditaria, ma non essendo stati individuati i geni responsabili, gli autori sottolineano che lo stress nei primi anni di vita può indurre alterazioni nell’espressione genica, i cosiddetti “cambiamenti epigenetici”, che sono di lunga durata e possono anche trasmettersi alla progenie.

Pertanto i medici dovrebbero tenere in considerazione la storia di vita del paziente durante la valutazione di quest’ultimo; trattamento come la terapia cognitivo-comportamentale ha dimostrato di essere efficace per l’emicrania e anche per gli effetti psicologici dell’abuso.

Da un punto di vista farmacologico gli anti-epilettici come valproato o topiramato sono indicati per il trattamento dell’emicrania, ma anche per la loro capacità di invertire i cambiamenti epigenetici indotti dallo stress.

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: emozioni memoria trattamento cambiamenti biologici maltrattamento infantile motivazioni emicrania asse ipotalamo-ipofisi-surrene sistema limbico cambiamenti epigenetici

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficoltà nello studio per un…

Annesin, 75 Gentili Signori,ho bisogno di un consiglio, perché vorrei dare una mano a una persona a me cara per un problema piccolo, ma che la inquieta per g...

Depressione (1557401609185)

Victoria, 22 Mi sveglio già stanca, da troppo tempo ormai, quasi da sempre. Mio padre è tornato a casa ieri sera, ha iniziato a sistemare la spesa in cucina ...

Ipocondria (1556980274713)

 Kiki, 30 Salve,Avrei bisogno di un consulto riguardo una persona a me molto vicina e molto cara, la quale soffre di ipocondria. Fortunatamente non ha...

Area Professionale

Articolo 17 - il Codice Deonto…

Anche questa settimana proseguiamo su Psiconline.it, con l'art.17 (segreto professionale e tutela della Privacy), il lavoro di analisi e commento, a cura d...

Articolo 16 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.16 (comunicazioni scientifiche e anonimato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini ch...

Articolo 15 - il Codice Deonto…

proseguiamo su Psiconline.it, con il commento all'art.15 (Collaborazioni con altri professionisti), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini c...

Le parole della Psicologia

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

Temperamento

La psicologia definisce temperamento “L’insieme di disposizioni comportamentali presenti sin dalla nascita le cui caratteristiche definiscono le differenze indi...

Disturbo di conversione

Consiste nella perdita o nell’alterazione del funzionamento fisico, all’origine del quale vi sarebbe un conflitto o un bisogno psicologico I sintomi fisici non...

News Letters

0
condivisioni