Pubblicità

Mangiare più uova per avere più memoria

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 550 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Che la salute sia associata anche a un buon stile di vita e alimentazione si sapeva già da un pezzo. Ma che la memoria vada a pari passo con il consumo di carne o uova, è indubbiamente una nuova scoperta. Strano a dirsi che questa volta non sia un vegetale o qualche rimedio naturale a far la parte del leone. Vediamo tuttavia cosa hanno da dirci i ricercatori della Boston University School of Medicine, autori di questo controverso studio.

 

 

Le uova e il pollo, secondo Rhoda Au e i suoi collaboratori, sono importanti nel miglioramento della memoria grazie al contenuto di Colina, un nutriente essenziale presente in questi due elementi, che ha la peculiarità di affinare le funzioni intellettive ed evitare l’invecchiamento precoce.
Per arrivare a tali conclusioni, il team di ricerca ha condotto uno studio a lungo termine sulla salute di 1.400 persone adulte.
Secondo un articolo riportato sul New York Daily News, gli scienziati hanno scoperto che con una dieta in cui l’elemento colina era abbondante, i risultati di test di memoria erano sempre più che soddisfacenti. Allo stesso modo..

 

 

Tratto da: "lastampa.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Morte del padre senza emozioni…

 bianca, 54 anni     Buongiorno Dottori, da qualche settimana è morto mio padre di 81 anni dopo una breve malattia. Non ho mai avuto un b...

Il mio fidanzato mi umilia [1…

Ragazza991, 19 anni         Buonasera,   sono fidanzata da due anni, e ormai è da un anno o poco più che ogni volta che gl...

Aiuto [1610926691822]

Brigida, 38 anni     Buonasera, sono una mamma disperata. Vi scrivo per un consulto in merito a mia figlia Giulia di 9 anni. Da un annetto circ...

Area Professionale

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Le parole della Psicologia

Sindrome di Cotard

E’ una sindrome delirante che porta la persona a credere di essere morta, di non esistere più oppure di aver perso tutti gli organi interni. Jules Cotard, un n...

Negativismo

Con il termine Negativismo si può indicare, in linea generale, un comportamento contrario o opposto, di tipo sia psichico che motorio. ...

Burnout

Il burnout è generalmente definito come una sindrome di esaurimento emotivo, di depersonalizzazione e derealizzazione personale, che può manifestarsi in tutte q...

News Letters

0
condivisioni