Pubblicità

Manipulation in Families with Eating Disorders

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 898 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Helping parents respond with empathy and self-reflectionnews disturbi alimentari

 

One of the major difficulties that stand in the way of building authentic connections in families where eating disorders arise is manipulation.

Often parents feel they are being held hostage by their child—that she/he is making conscious attempts to control them either through the eating disorder or through other psychological means. Many professionals who treat people with eating disorders also describe them as being highly manipulative. While this may be how their child’s behavior makes them feel, I typically caution parents (and professionals) to be wary of using the term “manipulative” when describing a person with an eating disorder. Here’s why:

Manipulative behavior is often a camouflaged way to get needs met, just as the eating disorder is. Opening up and asking for what they need is often much more emotionally complicated for someone who has an eating disorder than going about getting those needs met in less direct, more “manipulative” ways. Just wanting something can cause guilt or shame. Looking at and learning how to cope with these feelings is simply too difficult, thus the person seeks ways to get her needs met that don’t require confronting her emotions. In other cases, the manipulation is an attempt to express hostility that cannot otherwise be expressed. Some wish to control others through manipulation just as they have felt controlled. In all of these cases, what we see is that “manipulation” is not the outcome of some kind of internal personal defect, but rather a complex behavioral response to emotions.

Sometimes the child is quite aware of her/his manipulative behavior. Other times the behavior is so much a part of the personality that it feels quite natural and is invisible to the child. An excellent example of the latter is people pleasing: the act of making people around you happy so as to mitigate any negative emotional fallout—“If I make you happy, maybe you won’t get angry at me.” This is common for a person with an eating disorder, and it is a form of manipulation.

 

Tratto da Psychology Today - prosegui nella lettura dell'articolo

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Rottura di un rapporto (156631…

  Vu Thi Bich Diep, 28 Buongiorno,Io e il mio ragazzo non ci parliamo da due settimane. I motivi sono che lui si sente troppo stressato per colpa del...

Mi sento fuori dal mondo (1565…

  carol, 28 Sono una neo mamma di 28 anni, brasiliana, vivo in italia da quando ne ho 10.Il mio disagio purtroppo mi segue da quando sono piccola. Al...

Marito assente (156491757332)

  sossie, 50 Sono sposata da 25 anni ed ho due splendidi ragazzi di 15 e 11 anni. 10 anni fa dopo la nascita del secondo figlio mio marito di anni 50...

Area Professionale

Scrivere un articolo per farsi…

Prosegue la nostra guida su come scrivere un testo per il web. Nell'articolo precedente ci siamo preoccupati di progettare il testo in modo che fosse in grado d...

Articolo 30 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.30 (compenso professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo se...

Articolo 29 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.29 (uso presidi), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana spi...

Le parole della Psicologia

Volontà

In psicologia, il concetto di volontà viene concepito, a seconda della scuola di riferimento, come: • Una funzione autonoma, non riconducibile ad altri process...

ALESSITIMIA (O ALEXITEMIA)

Il termine alessitimia deriva dal greco e significa mancanza di parole per le emozioni  (a = mancanza, léxis = parola, thymόs = emozione ).  Esso vi...

Neuropsicologia

“L’importanza teorica della neuropsicologia sta nel fatto che essa permette di avvicinarsi maggiormente all’analisi della natura e delle struttura interna dei p...

News Letters

0
condivisioni