Pubblicità

MANUALE DISTURBI PSICHIATRICI, SI CAMBIA (DOPO 30 ANNI)

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 284 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Sara' pubblicato tra un anno il nuovo manuale dei disturbi psichiatrici, il Dsm-V: si tratta della prima importante revisione dopo 30 anni, e c'e' tempo fino a venerdi' per commentare online l'ultima bozza. Come spiega Daily Wired, i membri dell'American Psychiatric Association (Apa) apporteranno le ultime modifiche e finalmente manderanno in stampa la quinta edizione del 'testo sacro' per gli psichiatri di tutto il mondo, la cui pubblicazione e' prevista per maggio 2013. Da quando l'Apa ha deciso di rendere pubblico il processo di revisione del Dsm-V, il sito ha ricevuto piu' di 50 milioni di contatti e oltre 500mila pareri di professionisti, in gran parte polemici.

In pratica quel che e' scritto nel manuale stabilisce, di fatto, chi e' sano di mente e chi no. E allargare o restringere le maglie di queste definizioni puo' avere grandi ripercussioni cliniche sui pazienti e significare enormi ricadute economiche per le case farmaceutiche. "Il Dsm non da' in alcun modo indicazioni di trattamento- specifica Cristina Colombo, professore associato di psichiatria all'Universita' Vita-Salute del San Raffaele di Milano e responsabile del Centro per i disturbi dell'umore dello stesso ospedale- Ma nel momento in cui esiste una malattia, le aziende possono prevedere un trattamento. e' inevitabile che gli interessi in gioco siano enormi".

Inoltre, a far accendere ancora di piu' i toni della discussione, e' arrivata come un fulmine a ciel sereno la decisione dell'Apa di escludere due disturbi mentali che potrebbero interessare moltissime persone: 'sindrome psicotica attenuata' (una sorta di prodromo della psicosi) e il 'disturbo misto di ansia e depressione' (un ibrido tra i due problemi). Gli esperti hanno concluso che, alla luce delle revisioni scientifiche, queste patologie non sono supportate da solide evidenze e non saranno contemplate (a meno di altri ripensamenti) nel Dsm-V. A dispetto delle forti pressioni, sono stati ulteriormente rafforzati i criteri diagnostici della depressione maggiore, per evitare che la normale tristezza che segue un lutto o un evento traumatico possa essere scambiata per un disturbo da trattare con antidepressivi.

Tratto da: "direnews.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Aggressività

In psicologia indica uno stato di tensione emotiva generalmente espresso in comportamenti lesivi e di attacco. Nel corso degli anni l’aggressività...

Tecnostress - Tecnofobia

Il Tecnostress (o tecnofobia) è una patologia che scaturisce dall'uso eccessivo e simultaneo di quelle informazioni che vengono veicolate dai videoschermi. Ess...

Malaxofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata dei giochi amorosi. E’ conosciuta anche come sarmasofobia, usata dai greci. ...

News Letters

0
condivisioni