Pubblicità

Medie e superiori: un passaggio difficile?

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 516 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Il passaggio alle medie o alle superiori è sempre causa di ansia per i nostri figli. Ma anche per noi genitori. Una psicoterapeuta, ex insegnante, ci spiega come alleggerire questa fase di passaggio aiutando i nostri ragazzi a vivere appieno (e con serenità) una nuova indipendenza. Il ritorno a scuola è sempre emozionante. Ma quando si varca per la prima volta il cancello delle Medie o quello delle Superiori, la trepidazione è accompagnata da un mix di sentimenti contrastanti: ansia, un po’ di timore e, al tempo stesso, una grande curiosità e il desiderio di affrontare al meglio una nuova sfida. Come prepararsi allora al “grande salto”? Lo abbiamo chiesto a Patrizia Frongia, psicoterapeuta di Milano ed ex insegnante delle scuole elementari.
“Che ogni cambiamento destabilizzi e procuri un po’ d’ansia è ovvio, sano e normale - spiega Frongia - e se in passato c’erano gli esami scolastici in seconda e in quinta elementare a suggellare il termine di un ciclo, adesso il passaggio è solo apparentemente più graduale. Genitori e bambini provano spesso una grande ansia al solo pensiero di abbandonare la rassicurante famiglia della scuola primaria, dove le maestre si sono prese cura di loro per cinque anni di seguito. C’è poi il timore, comprensibilissimo, da parte dei ragazzi, di non essere all’altezza”.


Tratto da d.repubblica.it. Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come si ritrova l'amore di viv…

polppols, 18 anni Ciao, ho 18 anni e non so bene come iniziare a scrivere questa richiesta. Non mi sono mai aperta con qualcuno liberamente e sinceramente ...

Problematiche relazionali [160…

m, 20 anni Salve, recentemente dei Miei amici mi hanno detto che dovrei vedere un terapeuta perché secondo loro ho dei problemi a capire come relazionarmi ...

Genitori che non ti accettano …

alice, 25 anni Buongiorno,scrivo perchè mi trovo in una situazione veramente difficile e ho bisogno di un consiglio. Dalla tarda adolescenza non sono mai a...

Area Professionale

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

La psicologia forense

La psicologia forense, come definita dall'American Psychological Association è l'applicazione delle specialità cliniche al campo legale. La professione dello p...

Depressione adolescenziale e t…

Secondo un'analisi della letteratura, tra gli approcci psicoterapeutici che mostrano una certa efficacia nella gestione e trattamento della depressione adolesce...

Le parole della Psicologia

Claustrofobia

La claustrofobia (dal latino claustrum, luogo chiuso, e phobia, dal greco, paura) è la paura di luoghi chiusi e ristretti come camerini, ascensori, sotterranei...

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

Narcisismo

La parola "narcisismo" proviene dal mito greco di Narciso. Secondo il mito Narciso era un bel giovane che rifiutò l'amore della ninfa Eco. Come punizione, fu d...

News Letters

0
condivisioni