Pubblicità

Memoria e rimozione

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 478 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
PSICONLINE® NEWS n. 80 - 7.10.2001

Un recente studio condotto da un team di ricercatori statunitensi guidati dagli psicologi Michael Anderson e Collin Green dell'Università dell'Oregon (USA), ha focalizzato l'attenzione sul funzionamento della memoria ed in particolare sull'influenza reciproca tra memoria e dimenticanza, che costituiscono due aspetti interagenti di un medesimo processo. Le conclusioni cui sono giunti i ricercatori ribadiscono che il disfunzionamento della memoria aumenta di pari passo con l'aumento dell'attitudine alla rimozione, ipotesi che si ricollega ai concetti freudiani di rimozione e repressione: le informazioni indesiderate o ritenute inutili vengono cioè trasferite dal sistema di funzionamento cosciente a quello inconscio e seguono un processo di progressiva dimenticanza se non vengono ad un certo momento "ripescate" per qualche motivo e reintegrate nella coscienza.
Anderson, Green e collaboratori hanno quindi approfondito le loro ricerche sullo specifico fenomeno della repressione ed hanno riportato questo processo entro l'ambito del più ampio concetto di "controllo esecutivo"...Il concetto di controllo esecutivo, infatti, si riferisce alla complessa attività di quelle funzioni critiche - tradizionalmente localizzate nella zona frontale cerebrale - deputate alla progettualità, alla organizzazione dei dati, alla loro coordinazione ed integrazione nei sistemi linguistico e di memoria.
Nelle prove sperimentali della ricerca si evidenzia che l'interessamento di questo sistema nella soppressione volontaria di un dato elemento della memoria (nelle prove di laboratorio questi elementi erano solitamente rappresentati da stimoli verbali più o meno significativi..) è associato ad una diminuzione della funzionalità della memoria in generale, che diviene quindi meno accessibile.
John Houston Casada, professore di psichiatria presso la University of Texas Health Science Center e specialista nei disturbi post-traumatici da stress, sottolinea inoltre come i ricordi dolorosi che generano questi disturbi a volte vengano repressi involontariamente, altri in modo cosciente e volontario. .."Si può stabilire un parallelo tra questi meccanismi e ciò che avviene nel caso degli abusi sessuali subiti da un bambino da parte di un proprio famigliare" - continua Casada. "Il dover continuamente confrontarsi e convivere con chi ha abusato di lui lo predispone infatti ad una strategia di evitamento dello stimolo negativo che si realizza con la rimozione del ricordo doloroso, che può riflettersi quindi sul funzionamento della memoria nel complesso e su una adeguata organizzazione interna del materiale mnestico…".

(tratto da : APAnews - Sept2001)

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Disturbo bipolare dell'umore (…

settepassi, 63 Soffro da circa 8 anni di DISTURBO BIPOLARE dell' UMORE, almeno così mi è stato diagnosticato. ...

Il mio compagno (156087164017)

Simy, 42 Il mio compagno è un uomo straordinario, nn mi fa mancare nulla materialmente, ama i miei figli (avuti da un matrimonio precedente). ...

Area Professionale

Articolo 22 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art. 22 (ruolo professionale dello psicologo) prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che, sett...

Articolo 21 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.21 (insegnamento strumenti e tecniche psicologiche), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardi...

Articolo 20 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.20 (didattica e deontologia), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Le parole della Psicologia

Disturbo Antisociale di Person…

La prevalenza del DAP è pari al 3% nei maschi e all'1% nelle femmine nella popolazione generale, e aumenta al 3-30% in ambiente clinico. Percentuali di preva...

Nevrastenia

Termine introdotto dal medico statunitense Beard, nel 1884, per designare un quadro clinico, caratterizzato da stanchezza fisica e mentale, irritabilità, insonn...

Eisoptrofobia

L'eisoptrofobia o spettrofobia (da non confondere con la paura degli spettri, phasmofobia) è la paura persistente, irrazionale e ingiustificata degli specchi, o...

News Letters

0
condivisioni