Pubblicità

Memoria,anche il lavoro aiuta a proteggerla

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 578 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Un ambiente stimolante la difende dallo scorrere del tempo

E' il quoziente intellettivo a permettere di fare carriera in ambienti lavorativi che richiedono una migliore memoria e migliori capacità cognitive o queste ultime possono migliorare proprio svolgendo lavori complessi?
Questa domanda è al centro dell'attenzione dei ricercatori ormai da diverso tempo, ma forse oggi una nuova ricerca pubblicata su Neurology®, la rivista medica dell'American Academy of Neurology, potrebbe aiutare a darle una risposta. Infatti secondo i ricercatori dell'Heriot-Watt University di Edimburgo il QI da giovane è responsabile solo al 50% delle capacità intellettive di un individuo anziano.
Per il resto a entrare in gioco è proprio l'ambiente lavorativo. In particolare, chi ha svolto per tutta la vita un lavoro che richiede complesse interazioni interpersonali – ad esempio l'avvocato – o la gestione di dati complessi – come l'architetto – riuscirebbe a mantenere una migliore memoria e migliori capacità di ragionamento.

 

Tratto dawww.salute24.ilsole24ore.com Prosegui nella lettura dell'articolo

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Dacrifilia

È una pratica sessuale, fa parte delle parafilie, e consiste nel provare piacere sessuale nel vedere un soggetto piangere.  L'attrazione sessuale scatur...

Xenofobia

Il significato etimologico del termine Xenofobia (dal greco ξενοφοβία, composto da ξένος, ‘estraneo, insolito’, e φόβος, ‘paura’) è “paura dell’estraneo” o anch...

Paura

La paura è quell’emozione primaria di difesa, consistente in un senso di insicurezza, di smarrimento e di ansia, di fronte ad un pericolo reale o immaginario, o...

News Letters

0
condivisioni