Pubblicità

Mental health help for vets untimely

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 319 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

An internal investigation at the Department of Veterans Affairs released today says tens of thousands of veterans waited far longer last year to receive mental health treatment than what the VA contends. The inspector general's office found that claims by the VA that 95% of its patients are both evaluated for mental health problems and begin receiving therapy within a 14-day goal set by the department are false.
In fact, only about half of mental patients were evaluated within two weeks. The remainder waited an average of seven weeks, the investigation found.
On the time it takes to begin treatment, the probe corroborated findings by a USA TODAY analysis published Nov. 9 which revealed that about a third of VA patients wait longer than 14 days to start treatment.
The VA inspector general confirmed that only 64% are treated within 14 days, and the rest wait nearly six weeks on average before starting their treatment.
The VA's "mental health performance data is not accurate or reliable," the inspector general's report concluded, adding that the department "overstated its success."

"This report shows that the VA is failing many of those who have been brave enough to seek care," says Sen. Patty Murray, D-Wash., chairwoman of the Senate Veterans' Affairs Committee. "Once a veteran takes the step to reach out for help, we need to knock down every potential barrier to care."
With the suicide rate among veterans estimated by the VA at 18 per day, Murray, who called for the investigation, said timely mental health care "can quite frankly often be the difference between life and death."
The VA issued a statement conceding that the way it estimates timely care is flawed. "We generally agree that some revision of the metric is required," the statement says.

 

Tratto da: "apa.org" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Difficoltà nei rapporti sessua…

Emilio, 20     Salve, sono Emilio, ho 20 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Allucinazioni

Con il termine allucinazioni si fa riferimento alla percezione di qualcosa che non esiste, ma che tuttavia viene ritenuta reale. Le allucinazioni si presenta...

Depressione post-partum (depre…

La depressione post-partum è un disturbo dell’umore che ha inizio entro le prime quattro settimane successive al parto. Se nella maggior parte dei casi la gest...

Complesso di Elettra

Secondo la definizione di Carl Gustav Jung il complesso di Elettra si definisce come il desiderio della bambina di possedere il pene, e della competizione con l...

News Letters

0
condivisioni