Pubblicità

Minori segni di invecchiamento cerebrale per chi si sente più giovane della propria età

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1532 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Un nuovo studio ha rilevato che gli anziani che non sentono la loro età mostrano meno segni di invecchiamento cerebrale.

invecchiamento cerebraleUtilizzando le scansioni MRI, i ricercatori hanno scoperto che quei sentimenti - noti come età soggettiva - si traducono in un minor numero di segni di invecchiamento cerebrale rispetto a persone che sentono la loro età o si sentono più vecchi della loro età.

Pubblicato nella rivista Frontiers in Aging Neuroscience ad accesso libero, lo studio è il primo a trovare un legame tra età soggettiva e invecchiamento cerebrale. I risultati suggeriscono che le persone anziane che si sentono più grandi della loro età dovrebbero prendere in considerazione la cura per la loro salute del cervello, hanno osservato i ricercatori.

Pubblicità

Mentre tendiamo a pensare all' invecchiamento come a un processo fisso, esso influisce su tutti in modo diverso. Quanti anni ci sentiamo in realtà - la nostra età soggettiva - varia anche tra le persone, notano i ricercatori.

Ma l'età soggettiva è solo un sentimento o un'attitudine o riflette il modo in cui i nostri corpi stanno invecchiando? Questa domanda ha incuriosito il Dr. Jeanyung Chey dell' Università Nazionale di Seoul in Corea.

"Perché alcune persone si sentono più giovani o più grandi della loro vera età?", Ha detto. "Alcune possibilità includono stati depressivi, differenze di personalità o salute fisica. Tuttavia, nessuno aveva studiato i processi di invecchiamento del cervello come una possibile ragione per le differenze nell'età soggettiva. "

Le persone subiscono frequentemente alcuni problemi cognitivi man mano che invecchiano. Il cervello mostra una varietà di cambiamenti legati all'età che riflettono il declino della salute neurale, comprese le riduzioni dei volumi di materia grigia. Le tecniche sviluppate di recente possono aiutare i ricercatori a identificare le caratteristiche del cervello associate all' invecchiamento per fornire un'età stimata del cervello.

Chey e i suoi colleghi hanno applicato queste tecniche per studiare il legame tra età soggettiva e invecchiamento cerebrale.

Hanno eseguito scansioni cerebrali MRI in 68 persone sane le cui età andavano da 59 a 84 anni e hanno esaminato i volumi di materia grigia in varie regioni del cervello.

I partecipanti hanno anche completato un questionario, che includeva domande sul fatto che si sentissero più anziani o più giovani della loro età e domande che valutassero le loro capacità cognitive e le percezioni della loro salute generale.

Le persone che si sentivano più giovani della loro età avevano più probabilità di ottenere punteggi più alti in un test di memoria, ritenevano che la loro salute fosse migliore e presentavano meno probabilità di riportare sintomi depressivi.

Coloro che si sentivano più giovani della loro età mostravano anche un aumento del volume della materia grigia nelle regioni chiave del cervello. I ricercatori hanno utilizzato i dati della risonanza magnetica per calcolare l'età cerebrale stimata per i partecipanti.

"Abbiamo scoperto che le persone che si sentono più giovani hanno le caratteristiche strutturali di un cervello più giovane", ha affermato Chey. "È importante sottolineare che questa differenza rimane solida anche quando vengono presi in considerazione altri possibili fattori, tra cui personalità, salute soggettiva, sintomi depressivi o funzioni cognitive."

I ricercatori ipotizzano che coloro che si sentono più anziani possano essere in grado di percepire il processo di invecchiamento nel loro cervello, poiché la loro perdita di materia grigia potrebbe rendere le attività cognitive più difficili.

Tuttavia, i ricercatori hanno affermato di non sapere con certezza se queste caratteristiche del cervello sono direttamente responsabili dell'età soggettiva e dovranno effettuare studi a lungo termine per comprendere ulteriormente questo legame.

Una possibilità interessante è che coloro che si sentono più giovani hanno maggiori probabilità di condurre una vita più attiva fisicamente e mentalmente, che potrebbe causare miglioramenti nella salute del cervello, hanno ipotizzato i ricercatori. Tuttavia, per coloro che si sentono più vecchi, potrebbe essere vero il contrario.

"Se qualcuno si sente più vecchio della sua età, potrebbe essere segno di valutare lo stile di vita, le abitudini e le attività che potrebbero contribuire all' invecchiamento del cervello e prendere misure per prendersi cura meglio della salute del cervello", ha detto Chey.

 

Tratto da PsychCentral

 

(Traduzione e adattamento a cura del Dottor Antonio Morgia)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: invecchiamento news di psicologia cerebrale età soggettiva

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Genitore inadeguato [15992344…

DEDDA, 47 anni   Buongiorno, mia figlia 15enne soffre di blocchi emotivi a scuola. Quando deve fare un'interrogazione si chiude in se stessa, terror...

Come imparare ad andare [1599…

mar, 29 anni Ho avuto una relazione di 5 anni finita per motivi banali, incomprensioni, caratteri opposti e contrastanti. La storia é finita quasi tre anni...

MARITO DEPRESSO DA 3 MESI [159…

blu, 43 anni Buongiorno, non riesco a capire come poter aiutare mio marito che oramai sono 3 mesi che è depresso soprattutto la mattina appena sveglio e l...

Area Professionale

Funzionamento cognitivo in sog…

Recenti ricerche suggeriscono che le persone che presentano esperienze psicotiche, ma nessuna diagnosi di malattia psicotica, presentano un'alterazione del funz...

Il "potere" nella re…

Nonostante si possa pensare che vi sia uno squilibrio di potere all'interno della relazione terapeutica, in realtà lo psicoterapeuta non esercita un maggiore po...

Disfunzioni sessuali dopo la s…

L'11 giugno 2019 l'European Medicines Agency (EMA) ha formalmente dichiarato di riconoscere la disfunzione sessuale post-SSRI (Post-SSRI Sexual Dysfunction, PSS...

Le parole della Psicologia

Nevrosi

Le nevrosi rappresentano un gruppo di disturbi che coinvolgono la sfera comportamentale, affettivo-emotivo e psicosomatica dell’individuo in assenza di una pato...

Memoria

La memoria è quel meccanismo neuropsicologico che permette di fissare, conservare e rievocare esperienze e informazioni acquisite dall’ambiente (interno ed este...

Mania

L. Binswanger (Melanconia e mania, 1960) ha messo in evidenza come nella mania vi sia una destrutturazione della dimensione temporale della vita psichica che no...

News Letters

0
condivisioni